Tracce

Ogni giorno ti consigliamo un brano che vale davvero la pena sentire, tra tutte le novità in uscita. E siccome siamo on line dal 2016, puoi immaginare quanti ne abbiamo da suggerirti. Esplorare le playlist è un buon modo per ascoltarli tutti...

Lunghi

A volte è necessario approfondire. Per capire da dove arriva la musica di oggi, e ipotizzare dove andrà. Per scoprire classici lasciati indietro, per vedere cosa c'è dietro fenomeni popolarissimi o che nessuno ha mai calcolato più di tanto. Questa è la sezione longform di HVSR.

Extended Play

C'è spazio per un altro giornalismo musicale, che non si alimenti solo di comunicati stampa camuffati da news, di interviste copia-e-incolla e di altri argomenti di nessuna rilevanza? Ci proviamo.

Zonal (feat. Moor Mother): System Error
Noi per Halloween ci siamo vestiti da Laibach
↤ Tracce

Al confronto i Massive Attack più ossessivi sono gli Aqua.

Zonal (feat. Moor Mother)
System Error

Ricordate i Techno Animal, quelli che nel 2001 pubblicarono il piccolo gioiello malato The Brotherhood of the Bomb? Dietro quel moniker si celavano Justin Broadrick (Godflesh, JK Flesh, ICE, Scorn, Jesu) e Kevin Martin (The Bug, GOD, Earth, King Midas Sound), ovvero l’antitesi della primavera in musica, diciamo.

Dopo quasi 20 anni tornano a collaborare sotto il nome Zonal, avvalendosi della partecipazione vocale della geniale Moor Mother, al secolo Camae Ayewa.

Potrei chiuderla qui. Perché stiamo parlando di gente che pur spaziando all’interno di generi musicali apparentemente distanti tra loro, non ha mai sbagliato un disco. Siamo di fronte a un cocktail fatto di dub, hip hop, elettronica, frammenti di esperienze che furono e “chissà che gli passa per la testa”. Il tutto piegato, smembrato e riassemblato al servizio della sperimentazione sonora che si fonde alla perfezione con le liriche taglienti della Ayewa.

Vent’anni fa Broadrick giustificò questo amore verso sonorità più (che brutto termine…) “ballabili” dicendo che era un modo per cercare di uscire da un profondo esaurimento nervoso in seguito a una crisi personale, affettiva ed economica. Dopo quattro lustri si può dire che se crollo mentale fu, la cura non poteva regalarci ascolti migliori.

Se all’inferno ci fosse una sala chill-out per paranoidi catatonici, farebbero passare questa roba. Hell ain’t a bad place to be.

Max Zarucchi
Max Zarucchi

Se ti è piaciuta questa traccia, questa recensione o entrambe, perchè non condividere sui social?

Questa traccia è anche presente nelle seguenti playlist:

E se ti abbonassi?
Pensiamo che un altro giornalismo musicale, non basato esclusivamente su news copia-e-incolla e comunicati stampa travestiti da articoli, sia possibile. Noi, almeno, ci proviamo. Per questo in molti hanno scelto di sostenerci: perchè non lo fai anche tu? Basta davvero poco!
.
Home
Ogni giorno una traccia che vale davvero la pena sentire
Success
La sezione longform di HvsR
Un altro sguardo sulla musica, con un aggancio all'attualità.