Tracce

Ogni giorno ti consigliamo un brano che vale davvero la pena sentire, tra tutte le novità in uscita. E siccome siamo on line dal 2016, puoi immaginare quanti ne abbiamo da suggerirti. Esplorare le playlist è un buon modo per ascoltarli tutti...

Lunghi

A volte è necessario approfondire. Per capire da dove arriva la musica di oggi, e ipotizzare dove andrà. Per scoprire classici lasciati indietro, per vedere cosa c'è dietro fenomeni popolarissimi o che nessuno ha mai calcolato più di tanto. Questa è la sezione longform di HVSR.

Extended Play

C'è spazio per un altro giornalismo musicale, che non si alimenti solo di comunicati stampa camuffati da news, di interviste copia-e-incolla e di altri argomenti di nessuna rilevanza? Ci proviamo.

William DuVall: 'Til The Light Guides Me Home
Io ballo da solo
↤ Tracce

Mettere da parte Alice per dare finalmente spazio alla propria vena cantautorale.

William DuVall
'Til The Light Guides Me Home

Bisogna ammettere che a William DuVall , oltre il talento canoro, non mancano il coraggio e la capacità di accettare ogni volta nuove sfide, esplorando differenti orizzonti musicali.

Cresciuto respirando i germi dell’hardcore della scena East Coast, approda nella band hard rock di Atlanta dei Comes with the Fall dove si fa conoscere, oltre che per la sua carica vocale, anche per la sua energica presenza sul palco. È così che lo nota Jerry Cantrell, che lo vuole per la prospettata reunion degli Alice in Chains.

DuVall esordisce con l’album del 2009 Black Gives Way to Blue e Dio solo sa quanta forza ci voglia a prendere lo scomodo posto del cantante scomparso Layne Staley, compianto e mai dimenticato da tutti i fan della band di Seattle.

Oggi, a cinquantadue anni, William sente il bisogno di spogliarsi da ogni maschera e si presenta solo con un disco acustico, esclusivamente voce e chitarra, denudando l’anima (e anche per far questo ci vuole molto coraggio).

Lascia le spoglie del rocker d’assalto e, assumendo toni intimisti, rivela i risvolti di una solitudine velata di nostalgia e candida malinconia, che incanala nell’album One Alone, da cui è tratto questo brano.

Qui, con un’onestà che fa male, canta che c’è una luce che lo sta riportando verso casa. Così, completando un cerchio, ritorna lì dove la musica si fa essenza e urgenza: un cantautorato sincero sfornito di ogni orpello.

Barbara Volpi
Barbara Volpi

Se ti è piaciuta questa traccia, questa recensione o entrambe, perchè non condividere sui social?

Questa traccia è anche presente nelle seguenti playlist:

E se ti abbonassi?
Pensiamo che un altro giornalismo musicale, non basato esclusivamente su news copia-e-incolla e comunicati stampa travestiti da articoli, sia possibile. Noi, almeno, ci proviamo. Per questo in molti hanno scelto di sostenerci: perchè non lo fai anche tu? Basta davvero poco!
.
Home
Ogni giorno una traccia che vale davvero la pena sentire
Success
La sezione longform di HvsR
Un altro sguardo sulla musica, con un aggancio all'attualità.