Tracce

Ogni giorno ti consigliamo un brano che vale davvero la pena sentire, tra tutte le novità in uscita. E siccome siamo on line dal 2016, puoi immaginare quanti ne abbiamo da suggerirti. Esplorare le playlist è un buon modo per ascoltarli tutti...

Lunghi

A volte è necessario approfondire. Per capire da dove arriva la musica di oggi, e ipotizzare dove andrà. Per scoprire classici lasciati indietro, per vedere cosa c'è dietro fenomeni popolarissimi o che nessuno ha mai calcolato più di tanto. Questa è la sezione longform di HVSR.

Extended Play

C'è spazio per un altro giornalismo musicale, che non si alimenti solo di comunicati stampa camuffati da news, di interviste copia-e-incolla e di altri argomenti di nessuna rilevanza? Ci proviamo.

Lightning Bolt: Van Halen 2049
Fulmini a ciel sereno
↤ Tracce

I Van Halen ai tempi del remake di Blade Runner.

Lightning Bolt
Van Halen 2049

Pace in terra agli uomini di buona volontà. E anche a coloro che ancora una volta riescono a sopravvivere a un nuovo ascolto delle proiezioni musicali deviate di Chippendale e Gibson.

C’è da dire – però – che Sonic Citadel, uscito lo scorso 10 ottobre per Thrill Jockey, è forse il lavoro che rende i Lightning Bolt maggiormente accessibili e alla portata di un pubblico più ampio. Sembrerà ironico, una volta che uno preme play per un brano come Van Halen 2049, e infatti potrebbe benissimo esserlo. D’altro canto è vero anche che il caro e vecchio rock’n’roll sembra essere entrato di soppiatto nelle vene di questo nuovo feroce e caustico parto del duo di Providence, Rhode Island.

Contornata da pezzi come Don Henley in the Park (sì, il batterista degli Eagles) e la funambolica Hüsker Dön’t (già, proprio il gruppo di Bob Mould), la canzone finale del settimo lavoro dei Lightning Bolt è ancora portavoce di quell’espressività letale, corrosiva, micidiale che rende la band una delle più aggressive nel panorama musicale di oggi.

Più di vent’anni di riff di basso spregiudicati e una batteria inarrestabile: nel nostro immaginario malato, gente come Stravinskij, Russolo, Stockhausen potrebbero tranquillamente indossare la maglietta di una band come questa e – anche in questo panorama neo-bladerunneriano – sopravvivere fieri all’ascolto di nove minuti così, dove il noise, il math, il nu-jazz e i Black Flag ci ricordano che siamo ancora vivi.

Se ti è piaciuta questa traccia, questa recensione o entrambe, perchè non condividere sui social?

Questa traccia è anche presente nelle seguenti playlist:

Scrivere di musica non è facile.
Noi cerchiamo di farla mettendoci passione, ma anche competenza, cura, professionalità. Tutte cose che costano impegno… e soldi. Se apprezzi il nostro lavoro quotidiano perchè non ci sostieni diventando un abbonato? Basta davvero poco!
.
Home
Ogni giorno una traccia che vale davvero la pena sentire
Success
La sezione longform di HvsR
Un altro sguardo sulla musica, con un aggancio all'attualità.