Tracce

Ogni giorno ti consigliamo un brano che vale davvero la pena sentire, tra tutte le novità in uscita. E siccome siamo on line dal 2016, puoi immaginare quanti ne abbiamo da suggerirti. Esplorare le playlist è un buon modo per ascoltarli tutti...

Lunghi

A volte è necessario approfondire. Per capire da dove arriva la musica di oggi, e ipotizzare dove andrà. Per scoprire classici lasciati indietro, per vedere cosa c'è dietro fenomeni popolarissimi o che nessuno ha mai calcolato più di tanto. Questa è la sezione longform di HVSR.

Extended Play

C'è spazio per un altro giornalismo musicale, che non si alimenti solo di comunicati stampa camuffati da news, di interviste copia-e-incolla e di altri argomenti di nessuna rilevanza? Ci proviamo.

Hate & Merda: Un coltello sotto al letto divide il dolore in due
Copricapo moda e maglietta abbinata: 9.99€ da H&M
↤ Tracce

Come estrarsi un dente. Da soli. A mani nude. Senza anestesia.

Hate & Merda
Un coltello sotto al letto divide il dolore in due

E poi… a chi assomigliano?

Si tende a racchiudere tutto in sottogeneri, eppure, seppur formalmente diversa, la band più vicina a H&M (carino il molteplice gioco di parole/senso, vero?) per intensità, efficacia e trasposizione in musica del dolore sono i Godflesh, guarda caso sempre un duo (se tralasciamo qualche breve parentesi a tre). Anche lì le musiche sono mantra che inchiodano senza pietà e i testi (brevi ma maledettamente corrosivi e taglienti) attivano la regione travagliata dei nostri neuroni.

Dietro le pelli si siede un “non necessario” appena subentrato. Cambia qualcosa? Come facilmente intuibile dal titolo, no. La title track dell’EP in uscita non corregge il tiro, lasciando l’ascoltatore senza né fiato né speranze. Al massimo la furia è meno cieca e più incanalata verso una forma-canzone meno ostica, sempre tenendo conto della radice del tutto. Una frase sussurrata viene spazzata via da un vortice di violenza apparentemente senza controllo che spiana qualsiasi cosa non facendo prigionieri. Le grida che sentiamo sono gli echi dei mostri che ci nascondiamo dentro. Per quello proviamo fastidio fisico: non parlano a noi, bensì danno voce alle nostre fragilità, alle paure, alla rabbia.

Se la musica strappa i nervi e ne fa fili su cui stendere i panni sporchi delle proprie debolezze, l’immagine resta severa come è giusto che sia. In un’epoca dove la sofferenza viene messa in piazza sui social come fosse uno spettacolo acchiappalike, l’anonimato dei nostri è l’unico bagliore di cruda onestà nel buio della farsa grottesca dei giorni d’oggi.

Max Zarucchi
Max Zarucchi

Se ti è piaciuta questa traccia, questa recensione o entrambe, perchè non condividere sui social?

Questa traccia è anche presente nelle seguenti playlist:

Scrivere di musica non è facile.
Noi cerchiamo di farla mettendoci passione, ma anche competenza, cura, professionalità. Tutte cose che costano impegno… e soldi. Se apprezzi il nostro lavoro quotidiano perchè non ci sostieni diventando un abbonato? Basta davvero poco!
.
Home
Ogni giorno una traccia che vale davvero la pena sentire
Success
La sezione longform di HvsR
Un altro sguardo sulla musica, con un aggancio all'attualità.