Tracce

Ogni giorno ti consigliamo un brano che vale davvero la pena sentire, tra tutte le novità in uscita. E siccome siamo on line dal 2016, puoi immaginare quanti ne abbiamo da suggerirti. Esplorare le playlist è un buon modo per ascoltarli tutti...

Lunghi

A volte è necessario approfondire. Per capire da dove arriva la musica di oggi, e ipotizzare dove andrà. Per scoprire classici lasciati indietro, per vedere cosa c’è dietro fenomeni popolarissimi o che nessuno ha mai calcolato più di tanto. Questa è la sezione longform di Humans vs Robots, ed è riservata (in gran parte) agli (link: https://hvsr.net/membership/join text: abbonati).

Extended Play

C'è spazio per un altro giornalismo musicale, che non si alimenti solo di comunicati stampa camuffati da news, di interviste copia-e-incolla e di altri argomenti di nessuna rilevanza? Ci proviamo.

808 State: The Ludwig Question
Still Waiting for the (Chemical) Man
↤ Tracce

Come ritrovare micropunte in una vecchia felpa dell’Australian.

808 State
The Ludwig Question

Gli studi televisivi Granada di Manchester furono quelli dove, tra gli altri, debuttarono in televisione sia i Beatles nel 1963 sia i Joy Division nel 1978 (per tornarci poi l’anno successivo). Col tempo il complesso ha subito diversi cambiamenti, tra demolizioni, riallocazioni e cambi di proprietà.

Nel 1988 gli 808 State registrarono qui una loro esibizione dal vivo, che però non è mai stata trasmessa. La scena di Madchester stava esplodendo e i nostri nuotavano in piscine di acid house. Come siano sopravvissuti credo non lo sappiano nemmeno loro.

Dopo diciassette anni di morte apparente, i due superstiti Graham Massey e Andrew Barker resuscitano gli ottocentootto con un po’ di popper e tornano a quel che rimane dei Granada per vedere cosa salta fuori.

Il risultato è un suono che pesca a piene mani dal passato dandogli una lucidatina rinfrescante, perlomeno in fase di produzione. Un’operazione seminostalgica che nasconde in realtà il desiderio di riappropriarsi del proprio vissuto per lanciarlo nel futuro e vedere l’effetto che fa.

The Ludwig Question si sviluppa quindi come un trip (ehm…) senza fine, dove i beat vanno a interagire con la parte matematica del cervello creando l’illusione di un’attenzione che sembra acuta ma in realtà è passiva. Sta a voi decidere se resistere al subconscio e ascoltarla attentamente per coglierne le sfumature geniali o lasciarvi andare senza inibizioni ballando come se non ci fosse un domani. In entrambi i casi preparate l’aspirina per l’hangover.

Max Zarucchi
Max Zarucchi

Se ti è piaciuta questa traccia, questa recensione o entrambe, perchè non condividere sui social?

Questa traccia è anche presente nelle seguenti playlist:

Scrivere di musica non è facile.
Noi cerchiamo di farla mettendoci passione, ma anche competenza, cura, professionalità. Tutte cose che costano impegno… e soldi. Se apprezzi il nostro lavoro quotidiano perchè non ci sostieni diventando un abbonato? Basta davvero poco!
.