Tracce

Ogni giorno ti consigliamo un brano che vale davvero la pena sentire, tra tutte le novità in uscita. E siccome siamo on line dal 2016, puoi immaginare quanti ne abbiamo da suggerirti. Esplorare le playlist è un buon modo per ascoltarli tutti...

Lunghi

A volte è necessario approfondire. Per capire da dove arriva la musica di oggi, e ipotizzare dove andrà. Per scoprire classici lasciati indietro, per vedere cosa c'è dietro fenomeni popolarissimi o che nessuno ha mai calcolato più di tanto. Questa è la sezione longform di HVSR.

Extended Play

C'è spazio per un altro giornalismo musicale, che non si alimenti solo di comunicati stampa camuffati da news, di interviste copia-e-incolla e di altri argomenti di nessuna rilevanza? Ci proviamo.

Xylouris White: Tree Song
Creta melbourniana
↤ Tracce

Sisyphus’ Rolling Stone: dalla Grecia all’Australia e ritorno.

Xylouris White
Tree Song

Il mondo è un posto bello e malinconico. A volte capita di pensarla in questo modo. Ed è questo che sembra ripercorrere lo spirito della superba musica del duo Xylouris White. Ancora una volta, con questo nuovo pezzo tratto dall’imminente quarto lavoro The Sisypheans.

La canzone si integra nel concept portante del mito di Sisifo, emblema dell’uomo astuto e sagace che aveva osato sfidare gli dei, condannato da Zeus a spingere un masso su un monte e vederlo rotolare giù tutte le volte. Il ciclo delle malinconie, ma anche delle bellezze per cui vale la pena vivere, alla maniera greca.

↦ Leggi anche:
Xylouris White: Only Love

Fenomeno del liuto, Giorgos appartiene a una famiglia da sempre dedita alla grande musica: figlio di Antonis “Psarantonis” Xylouris (1942), celebre cantautore e suonatore di lira cretese, e nipote di Nikos “Psaronikos” Xylouris (1936-1980), forse il massimo interprete e autore del Rizitiko, il canto popolare cretese, anche noto per il suo impegno civile contro la Dittatura dei colonnelli.

Jim White è invece lo storico batterista dei Dirty Tree, il trio australiano in cui suona insieme al versatile violinista Warren Ellis (ora ormai fratello di Nick Cave) e al chitarrista Mick Turner. Lo stile alternativo del villoso percussionista è ormai divenuto emblema di eclettismo dietro le pelli, capace di sfiorare sia tenui atmosfere jazz che quelle più evocative del rock d’atmosfera.

Amici da oltre 25 anni, dall’Australia sono ormai approdati in moltissimi club di tutto il mondo, portando in giro l’emblema di una musica rarefatta, sentita, toccante e meditabonda, frutto di culture distanti, di folklore, di mito e di grandi tradizioni e sentimenti. Senza tempo e confini spaziali.

Se ti è piaciuta questa traccia, questa recensione o entrambe, perchè non condividere sui social?

Questa traccia è anche presente nelle seguenti playlist:

Un grazie a chi ci sostiene!
Humans vs Robots parla di musica dal 2016, e cerca di farlo bene. E lo possiamo fare grazie a chi ci sostiene abbonandosi, e garantendo che articoli come questo possano essere letti da tutti.
Basta davvero poco: perchè non ti abboni?
.
Home
Ogni giorno una traccia che vale davvero la pena sentire
Success
La sezione longform di HvsR
Un altro sguardo sulla musica, con un aggancio all'attualità.