Tracce

Ogni giorno ti consigliamo un brano che vale davvero la pena sentire, tra tutte le novità in uscita. E siccome siamo on line dal 2016, puoi immaginare quanti ne abbiamo da suggerirti. Esplorare le playlist è un buon modo per ascoltarli tutti...

Lunghi

A volte è necessario approfondire. Per capire da dove arriva la musica di oggi, e ipotizzare dove andrà. Per scoprire classici lasciati indietro, per vedere cosa c'è dietro fenomeni popolarissimi o che nessuno ha mai calcolato più di tanto. Questa è la sezione longform di HVSR.

Extended Play

C'è spazio per un altro giornalismo musicale, che non si alimenti solo di comunicati stampa camuffati da news, di interviste copia-e-incolla e di altri argomenti di nessuna rilevanza? Ci proviamo.

Tropical Fuck Storm: Braindrops
Beato fra le donne
↤ Tracce

Australia. Terra di surfers, canguri e psichedelia.

Tropical Fuck Storm
Braindrops

Gareth Liddiard è un matto. Era chiaro già dai cari e vecchi Drones, band australiana di culto attiva dal 1997. Un rock sporco, contaminato, funambolico e strafatto, di cui Liddiard era stato unico fautore, nel corso di tutti i cambi di line-up e fino allo iato del 2016.

Era chiaro anche da quello che A Laughing Death in Meatspace era stato l’anno scorso. L’album dei nuovissimi Tropical Fuck Storm – con i nomi questo ci sa fare eccome! – era stato infatti una bomba sonora non indifferente. Recuperata la compagna (nella vita e nella musica) Fiona Kitschin, la batterista Lauren Hammel (High Tension) e Erica Dunn (Mod Con), la nuova creatura del compositore di Melbourne prosegue in pompa magna quello che era stato il percorso dei Drones.

↦ Leggi anche:
Tropical Fuck Storm: G.A.F.F.

Braindrops è la title-track del nuovo album, che si conferma ancora una volta un discone. Il putrido art-rock sporcato di cantautorato, psichedelia ed elettronica old school si tinge di nuovo di colori spregiudicati, immagini strippate (le copertine di Joe Becker insegnano) e divagazioni surreali.

Il pezzo – senza esaurire la portata del nuovo racconto musicale – racchiude un po’ tutto quello che era stato il precedente album e si fa portavoce, questa volta, di una critica alla gentrificazione australiana.

«And now we’re laughing in the window of his old bong shop / Selling cheap shit sham knock off hand bags brands / And he’s explaining how we’re living in a simulation / So why not buy a pair of Chinese Ray Bans?»

Il nuovo disco è uscito lo scorso 23 agosto per Flightless Records, mitica etichetta dei conterranei King Gizzard & The Lizard Wizard: in Australia le cose si fanno per bene e la mistura “droga, arte e qualche chitarra” rende lieta giustizia al nuovo corso del rock’n’roll.

Se ti è piaciuta questa traccia, questa recensione o entrambe, perchè non condividere sui social?

Questa traccia è anche presente nelle seguenti playlist:

Scrivere di musica non è facile.
Noi cerchiamo di farla mettendoci passione, ma anche competenza, cura, professionalità. Tutte cose che costano impegno… e soldi. Se apprezzi il nostro lavoro quotidiano perchè non ci sostieni diventando un abbonato? Basta davvero poco!
.
Home
Ogni giorno una traccia che vale davvero la pena sentire
Success
La sezione longform di HvsR
Un altro sguardo sulla musica, con un aggancio all'attualità.