New Music

Una volta alla settimana compiliamo una playlist di tracce che (secondo noi) vale davvero la pena sentire, scelte tra tutte le novità in uscita.

Tracce

... Tutte le tracce che abbiamo recensito dal 2016 ad oggi. Buon ascolto.

Storie

A volte è necessario approfondire. Per capire da dove arriva la musica di oggi, e ipotizzare dove andrà. Per scoprire classici lasciati indietro, per vedere cosa c’è dietro fenomeni popolarissimi o che nessuno ha mai calcolato più di tanto. Queste sono le storie di HVSR.

Autori

Chi siamo

Cerca...

The Mountain Goats: Get High and Listen to the Cure
Four (not so) imaginary boys

The Mountain Goats
Get High and Listen to the Cure

Rendere omaggio ai Cure nel modo migliore: descrivendo i desideri dei fan.

Il lo-fi è qualcosa che viene da lontano, Dove i Pavement erano in realtà i nipotini delle registrazioni di Leadbelly o Robert Johnson. Poi è arrivato Beck. Ma vabbè… il discorso sarebbe più lungo di un elenco ringraziamenti in un album metal di metà anni ‘80.

I Mountain Goats sono in giro dal 1991, hanno qualche decina di album alle spalle, tonnellate di 7” e cassette, ed è la seconda volta che citano i Cure in un brano. La prima fu su Abandoned Flesh, dove però Robert Smith veniva semplicemente nominato in apertura assieme a Siouxsie, mentre il testo si concentrava sulle sfighe dei Gene Loves Jezebel e altri nomi minori della scena goth. Stavolta invece le cose sono più esplicite.

Fondamentalmente lui vuole «sballarsi ascoltando i Cure tutta la notte», ma i Cure veri. Nella lunga lista di titoli elencati come possibili soundtrack per un viaggione mentale, solo due (Let’s Go to Bed e In Between Days) sono post-darkerie. Il resto pesca a piene mani dal repertorio ‘79-‘82, e non si può rimanere indifferenti rispetto a tocchi di classe come «Voglio sentire tutto Pornography, specialmente il secondo lato». Personalmente avrei messo anche Carnage Visors e Airlock, ma son gusti.

Il brano è minimale. Leggero. Accattivante. Semplice. Con delle melodie efficaci di quelle che Moby non riesce più a scrivere da secoli, resta in testa al primo ascolto e se solo i fan dei Cure non fossero spesso troppo seriosi, dovrebbe diventare un inno da cantare in coro prima e dopo i concerti di Ciccio e co.

E sì. Ascoltare quei Cure tutta la notte resta una cosa splendida.

The Mountain Goats 

Siamo su Substack! Iscriviti per ricevere la newsletter e sapere quando pubblichiamo nuovi contenuti!