Tracce 

Ogni giorno ti consigliamo un brano che vale davvero la pena sentire, tra tutte le novità in uscita. E siccome siamo on line dal 2016, puoi immaginare quanti ne abbiamo da suggerirti. Esplorare le playlist è un buon modo per ascoltarli tutti...

Storie 

A volte è necessario approfondire. Per capire da dove arriva la musica di oggi, e ipotizzare dove andrà. Per scoprire classici lasciati indietro, per vedere cosa c’è dietro fenomeni popolarissimi o che nessuno ha mai calcolato più di tanto. Queste sono le storie di HVSR.
Mary & the Highwalkers: Scars
Austerità metallica
↤ Tracce

Mescolare i Portishead col black metal e lo stoner-doom? Fatto.

I Mary & the Highwalkers vengono da Varsavia e diffondono dolore, tra sinuosità vampiriche e odontotecnia nerd. La loro frontgirl, Nastasia Rodya fonde il crooning di Beth Gibbons e l’isteria premestruale di Onielar in un’unica sessione. Il resto del gruppo si affaccenda tra un riffone sabbathiano, esplosioni cruente alla Satirycon e un’attitudine essenzialmente shoegaze.

Il clip non racconta chissà cosa. Si tratta di un’esibizione registrata dalla band ai Kongo Studios, sempre in Polonia. Nonostante tutto, Nastasia è piuttosto inquietante. Non si sa se la colpa sia delle lenti a contatto demoniache o dell’apparecchio ai denti in bella vista. Magari tutte e due le cose insieme.

I Mary & the Highwalkers sono giusto all’inizio. Hanno un EP uscito un paio di anni fa e le idee piuttosto chiare su come incasinare le cose. Giusto per definire un pezzo come Scars occorre un trenino di sotto-etichette. Fisicamente ai loro concerti troveremo ibridazioni suggestive di varia umanità e forse fusioni inenarrabili attraverso la tipica attività d’accoppiamento dei metallari: il pogo.

Mary & the Highwalkers