Tracce

Ogni giorno ti consigliamo un brano che vale davvero la pena sentire, tra tutte le novità in uscita. E siccome siamo on line dal 2016, puoi immaginare quanti ne abbiamo da suggerirti. Esplorare le playlist è un buon modo per ascoltarli tutti...

Lunghi

A volte è necessario approfondire. Per capire da dove arriva la musica di oggi, e ipotizzare dove andrà. Per scoprire classici lasciati indietro, per vedere cosa c'è dietro fenomeni popolarissimi o che nessuno ha mai calcolato più di tanto. Questa è la sezione longform di HVSR.

Extended Play

C'è spazio per un altro giornalismo musicale, che non si alimenti solo di comunicati stampa camuffati da news, di interviste copia-e-incolla e di altri argomenti di nessuna rilevanza? Ci proviamo.

Leprous: Below
Non bruciate quella porta
↤ Tracce

Uscire insieme ai Tool mostra un certo carattere.

Leprous
Below

I Leprous si ripropongono con questo singolo molto lineare e appassionato. Il pezzo ha quasi una durata commerciale ed è illustrato da un videoclip surrealista dove porte sbucano dal nulla e bruciano, mentre Einar Solberg il sallucchione, vi esce fuori pesto in faccia. Le ferite simboleggiano il dolore e il disorientamento interiori: ciò che il cantante ulula in un ritornello alla Jeff Buckley è esemplificativo.

Below infatti parla di quanto siano le bugie a tenere insieme il grande casino di emozioni e paure che noi esseri umani siamo. L’interpretazione di Solberg vi aggiunge un afflato quasi latino, cosa che esalta ancora di più l’outing delle liriche. Siamo con lui, anche se un po’ imbarazzati da tanta schiettezza.

↦ Leggi anche:
Leprous: From The Flame

I Leprous hanno grandi potenzialità radiofoniche. Secondo molti potrebbero essere la prossima soglia d’accesso del mondo popolare al progressive; come lo sono stati i Tool fino a qui. Le due band si sfidano uscendo praticamente nello stesso periodo. Probabilmente siamo noi a considerarli dei concorrenti, loro ci diranno che sono come l’acqua e il vino e non giocano la stessa partita. E che il progressive rock si è estinto nel 1974.

Se ti è piaciuta questa traccia, questa recensione o entrambe, perchè non condividere sui social?

Questa traccia è anche presente nelle seguenti playlist:

Scrivere di musica non è facile.
Noi cerchiamo di farla mettendoci passione, ma anche competenza, cura, professionalità. Tutte cose che costano impegno… e soldi. Se apprezzi il nostro lavoro quotidiano perchè non ci sostieni diventando un abbonato? Basta davvero poco!
.
Home
Ogni giorno una traccia che vale davvero la pena sentire
Success
La sezione longform di HvsR
Un altro sguardo sulla musica, con un aggancio all'attualità.