Tracce

Ogni giorno ti consigliamo un brano che vale davvero la pena sentire, tra tutte le novità in uscita. E siccome siamo on line dal 2016, puoi immaginare quanti ne abbiamo da suggerirti. Esplorare le playlist è un buon modo per ascoltarli tutti...

Lunghi

A volte è necessario approfondire. Per capire da dove arriva la musica di oggi, e ipotizzare dove andrà. Per scoprire classici lasciati indietro, per vedere cosa c'è dietro fenomeni popolarissimi o che nessuno ha mai calcolato più di tanto. Questa è la sezione longform di HVSR.

Extended Play

C'è spazio per un altro giornalismo musicale, che non si alimenti solo di comunicati stampa camuffati da news, di interviste copia-e-incolla e di altri argomenti di nessuna rilevanza? Ci proviamo.

Infant Annihilator: Three Bastards
Ci sono e ci fanno
↤ Tracce

Se non credete più al metal estremo, questa è la band che fa per voi.

Infant Annihilator
Three Bastards

Gli Infant Annihilator sono un trio deathcore inglese. Se fosse solo questo, però, non ne ve ne parleremmo. Per chi non sapesse cosa sia il deathcore, si tratta di un’esasperazione del death metal con tecnicismi spinti e una insopprimibile monotonia delle soluzioni. Il genere non va molto nel nostro paese e probabilmente non riscuote grandi consensi in nessun luogo del mondo, a parte il Messico.

Gli Infant Annihilator, tuttavia, sono “visivamente” qualcosa di inaspettato. Ad ascoltare un pezzo come Three Bastards non lo si intuirebbe. C’è sempre la batteria a mitraglietta, le chitarre che “swippano” come non ci fosse né un domani né tantomeno un dopodomani, mentre la voce “screama” e “growla” cose blasfeme tipiche della sindrome di Tourette. Ma se guardate il video è tutta un’altra faccenda.

Tre persone piuttosto sgradevoli fisicamente si atteggiano come cantanti reggaeton, mentre la pestilenza di scale e urla li accompagna. Peccato che se chiudiamo gli occhi sulle immagini, cosa che viene anche spesso voglia di fare, ci ritroviamo musicalmente davanti alla solita solfa che bene descrive il genere (ma a cui aggiunge poco – ammesso che ci fosse qualcosa da aggiungere).

Per compensare la cosa, va detto che gli Infant Annihilator non sono nuovi a dei video ironici e sopra le righe, ma tutta la loro ilarità sbarazzina, tolte le liriche, non ha alcuna ripercussione sulle canzoni. Ed è un peccato.

Se ti è piaciuta questa traccia, questa recensione o entrambe, perchè non condividere sui social?

Questa traccia è anche presente nelle seguenti playlist:

Un grazie a chi ci sostiene!
Humans vs Robots parla di musica dal 2016, e cerca di farlo bene. E lo possiamo fare grazie a chi ci sostiene abbonandosi, e garantendo che articoli come questo possano essere letti da tutti.
Basta davvero poco: perchè non ti abboni?
.
Home
Ogni giorno una traccia che vale davvero la pena sentire
Success
La sezione longform di HvsR
Un altro sguardo sulla musica, con un aggancio all'attualità.