New Music

Una volta alla settimana compiliamo una playlist di tracce che (secondo noi) vale davvero la pena sentire, scelte tra tutte le novità in uscita.

Tracce

... Tutte le tracce che abbiamo recensito dal 2016 ad oggi. Buon ascolto.

Storie

A volte è necessario approfondire. Per capire da dove arriva la musica di oggi, e ipotizzare dove andrà. Per scoprire classici lasciati indietro, per vedere cosa c’è dietro fenomeni popolarissimi o che nessuno ha mai calcolato più di tanto. Queste sono le storie di HVSR.

Autori

Chi siamo

Cerca...

Birthh: Supermarkets
Vent’anni e non sentirli

Il talento vero non ha bisogno di guardare all’erba del vicino.

Avere vent’anni e la voce di Elena Tonra è meno semplice di quel che si potrebbe pensare a una prima analisi superficiale. Nel senso, finchè parli non ci sono particolari problemi, soprattutto alla luce del fatto che parli in italiano. Se però di mestiere vuoi fare la musicista e per di più canti (in inglese) allora le cose si fanno più complicate.

Se a questo ci aggiungi che – a nemmeno vent’anni – hai anche il gusto per gli intrecci tra linee di chitarra e loop elettronici di Romy Madley Croft e James Thomas Smith e un’urgenza di sperimentazione che a tratti ricorda quella degli Alt-J quando avevano poco più di vent’anni, allora preparati: inizieranno a dire che sei cresciuta a pane e Daughter, che queste cose le avevano già fatte gli XX, che hai ascoltato troppo James Blake.

Alice Bisi (nemmeno vent’anni, la voce di Elena Tonra, la capacità compositiva degli XX e tutta l’urgenza espressiva della sua età) queste cose le avrà sentite e risentite fino alla nausea, soprattutto dopo aver debuttato con un piccolo grande capolavoro che con gli ingombranti nomi di cui sopra se la giocava ad armi pari e senza il minimo timore reverenziale. Eppure non si scompone e prosegue per la sua strada forte dell’unica cosa che conta: il suo immenso talento.

Talento che sa essere – come dimostra questo nuovo singolo, che starebbe bene in mano agli Any Other – malinconico e giocoso allo stesso tempo, mischiare sapientemente pop, folk, soft jazz e indietronica, e fare ancora un altro passo oltre una maturità già pienamente acquisita.

Perché uscire dalla tua comfort zone per raccontare l’immaginario rassicurante della routine quotidiana significa essere a proprio agio con l’arte del paradosso. E anche venire a patti con il fatto che «le persone sono solo persone / non sanno cosa stanno cercando» può sembrare scontato, ma succede solo quando sei diventata adulta sul serio.

Birthh 

Siamo su Substack! Iscriviti per ricevere la newsletter e sapere quando pubblichiamo nuovi contenuti!