Tracce

Ogni giorno ti consigliamo un brano che vale davvero la pena sentire, tra tutte le novità in uscita. E siccome siamo on line dal 2016, puoi immaginare quanti ne abbiamo da suggerirti. Esplorare le playlist è un buon modo per ascoltarli tutti...

Lunghi

A volte è necessario approfondire. Per capire da dove arriva la musica di oggi, e ipotizzare dove andrà. Per scoprire classici lasciati indietro, per vedere cosa c'è dietro fenomeni popolarissimi o che nessuno ha mai calcolato più di tanto. Questa è la sezione longform di HVSR.

Extended Play

C'è spazio per un altro giornalismo musicale, che non si alimenti solo di comunicati stampa camuffati da news, di interviste copia-e-incolla e di altri argomenti di nessuna rilevanza? Ci proviamo.

Tim Bowness: It's the World
Se sei felice e tu lo sai batti le... no, niente
↤ Tracce

Una primaverile ventata di pessimismo e fastidio, atmosfere cupe e glorioso disincanto britannico.

Tim Bowness
It's the World

La primavera è nell’aria: siamo a pochi giorni dalla nuova stagione e già si sente profumo di sole, panini al prosciutto e antistaminici.

Ed è esattamente questo il momento di tirar giù le tapparelle e chiudersi al buio in cameretta – mentale o fisica, ha importanza? – ad ascoltare il nuovo, tribolato progetto solista dell’inglesissimo Tim Bowness (No-Man insieme all’amico Steven Wilson, presente anche in questa traccia).

Il romanticismo cupo di questo pezzo compiacerà tutti gli estimatori della nebbia e dei Tool: in alcuni punti, sostituendo la voce di Bowness con quella di Maynard Keenan, si faticherebbe persino a stabilirne la genuina paternità.

Ma i rimandi possibili non finiscono qui; a tutti gli orfani di David Bowie viene offerta una sonorità familiare e mai scontata – oltre che del tutto autentica, provenendo da un artista agli antipodi dei millennial.

Il messaggio è quello di un uomo disincantato che fa i conti con tutto; una parabola dell’irrequietudine che si sprigiona nella mente degli “over” (decidete voi quanto) incastrati in un’infanzia rediviva, nonché colma d’interrogazioni genitoriali e senso di disfatta generico.

La risposta è ferma, tuttavia: è il mondo ad essere ingiusto, noi non c’entriamo. Ed così che veniamo assolti nel continuare a cantare le nostre nenie e sentirci inadeguati con gli anfibi ad agosto, nella nostra comfort zone.

Segnaliamo infine un confronto tra il minuto 2’45” di It’s the World col minuto 5’54” di Thru the Eyes Of Ruby degli Smashing Pumpkins di Mellon Collie and the Infinite Sadness (1995).

(lo sento solo io?)

Se ti è piaciuta questa traccia, questa recensione o entrambe, perchè non condividere sui social?

Questa traccia è anche presente nelle seguenti playlist:

Un grazie a chi ci sostiene!
Humans vs Robots parla di musica dal 2016, e cerca di farlo bene. E lo possiamo fare grazie a chi ci sostiene abbonandosi, e garantendo che articoli come questo possano essere letti da tutti.
Basta davvero poco: perchè non ti abboni?
.
Home
Ogni giorno una traccia che vale davvero la pena sentire
Success
La sezione longform di HvsR
Un altro sguardo sulla musica, con un aggancio all'attualità.