Tracce

Ogni giorno ti consigliamo un brano che vale davvero la pena sentire, tra tutte le novità in uscita. E siccome siamo on line dal 2016, puoi immaginare quanti ne abbiamo da suggerirti. Esplorare le playlist è un buon modo per ascoltarli tutti...

Lunghi

A volte è necessario approfondire. Per capire da dove arriva la musica di oggi, e ipotizzare dove andrà. Per scoprire classici lasciati indietro, per vedere cosa c'è dietro fenomeni popolarissimi o che nessuno ha mai calcolato più di tanto. Questa è la sezione longform di HVSR.

Extended Play

C'è spazio per un altro giornalismo musicale, che non si alimenti solo di comunicati stampa camuffati da news, di interviste copia-e-incolla e di altri argomenti di nessuna rilevanza? Ci proviamo.

The Soft Cavarly: Bulletproof
Barba e capelli?
↤ Tracce

Guarda chi si rivede: Rachel Goswell degli Slowdive (in odore di XX e Daughters).

The Soft Cavarly
Bulletproof

La morale di questa storia probabilmente è ancora da definire nei dettagli, ma di sicuro si porta già in grembo un risultato non da poco: mettere a tacere due luoghi comuni che credevamo verità fatte e finite – 1) dalle reunion non si cava mai fuori niente di buono. 2) guai a lavorare insieme al proprio compagno di vita.

I fatti parlano chiaro: il ritorno degli Slowdive ci ha riportato non solo una band in forma smagliante e un disco da ricordare, ma soprattutto una Rachel Goswell diversa. Meno introversa, stanca di nascondersi, più conscia di sé e desiderosa di regalare il proprio talento in giro senza il timore che vada sprecato. Il collettivo Minor Victories, le collaborazioni con Editors, American Football, Mercury Rev, Beach Fossils. Come il prezzemolo, ma meno banale.

E per una volta anche il gossip non porta pena. Sì, perché il ritorno degli Slowdive ci ha regalato anche un lungo giro live con annesso barbuto tour manager, che la Goswell prima l’ha fatta innamorare, poi se l’è sposata e, infine, l’ha convinta a imbarcarsi in questo progetto a due per dar voce a tutti i pezzi inediti che aveva nel cassetto dai primi anni ‘90.

The Soft Cavalry finge di essere dream pop, ma va più a fondo e lascia i sogni in superficie per andare a toccare l’apnea delle cose reali e dolorose, come il paradosso sadico di avere un figlio affetto da sordità totale quando te, della musica e del suono, ne hai fatto invece un mestiere. Come la voglia di raccontarlo in un video usando solo la tua faccia, le tue mani e i gesti del BSL.

Messa giù a parole, siamo di nuovo dalle parti degli XX o dei Daughter, ma con un gusto impareggiabile ed estrema cognizione di causa. Senza offesa per chi non può farlo, va detto che è proprio un bel sentire.

Se ti è piaciuta questa traccia, questa recensione o entrambe, perchè non condividere sui social?

Questa traccia è anche presente nelle seguenti playlist:

Un grazie a chi ci sostiene!
Humans vs Robots parla di musica dal 2016, e cerca di farlo bene. E lo possiamo fare grazie a chi ci sostiene abbonandosi, e garantendo che articoli come questo possano essere letti da tutti.
Basta davvero poco: perchè non ti abboni?
.
Home
Ogni giorno una traccia che vale davvero la pena sentire
Success
La sezione longform di HvsR
Un altro sguardo sulla musica, con un aggancio all'attualità.