Taxi B: Woody Woodpecker
In una settimana e un quarto ci ho svoltato un chilo e mezzo
 
← Music discovery

La nuova promessa della trap. E non solo per via dei tatuaggi in faccia.

Taxi B
Woody Woodpecker

Taxi B, all’anagrafe Michele Ballabene (anno 1997), è uno dei tre elementi che compongono la chiacchierata gang trap lucana FSK Satellite; gli altri due sono Sapobully e Chiello FSK. A compattare il lavoro di questi tre c’è un produttore molto noto nell’area trap, Greg Willem; uno che “fa le basi solo per i pazzi”, citando uno dei soliti sagaci commentatori di YouTube.

Per certi aspetti, Taxi B ricorda molto Young Signorino, ma solo per via della faccia tatuata e del disagio psichico che emana (certo, suona incredibile che Young Signorino abbia addirittura ispirato qualcuno).

Come è evidente in Woody Woodpecker, si tratta di una trap urlata con un flow convulso e articolato. Ottimisticamente, si potrebbe dire che a Taxi piacciono i Beastie Boys, ma solo con le basi deep house. Il pezzo è un’autentica bomba, ma destinata a esplodere solo nelle orecchie di chi voglia sentire.

La grande protagonista dei suoi pezzi è la bamba, il relativo indotto e attività correlate. D'altra parte, è noto che il narcotraffico sia uno dei temi forti del genere. Non è che forse alla lunga sarà proprio questo, pur se declinato in varie gradazioni ironiche, il vero limite della trap?

Rimani aggiornato: inserisci qui la tua e-mail (zero spam, promesso)

Humans vs Robots è un progetto di Anti-pop Media, società di diritto caymano finanziata al 90% dal kollettivo Buonisti col Rolex. Tutti i diritti riservati.