Sturgill Simpson: The Dead Don't Die
Guitar zombie hero
 
← Music discovery

La guida del marinaio alle terre dei morti.

Sturgill Simpson
The Dead Don't Die

«Di nuovo questa?», dice lo sceriffo Bill Murray, guidando attraverso una strada piena di cadaveri e morti-che-non-sono-morti. «Sturgill Simpson», risponde il compagno poliziotto Adam Driver. «Gran canzone». Per forza i personaggi conoscono il pezzo: è il tema portante del film (come viene subito messo in chiaro, anche se il CD viene tolto dall’autoradio e buttato fuori dal finestrino, infine).

Non è poi così strano che ci si stia riferendo a un film di Jim Jarmusch: da sempre, oltre che regista, anche musicista & amico dei musicisti. Oltre ai fedeli Neil Young, Tom Waits e Iggy Pop, negli ultimi anni è stato così per RZA, Jozef van Wissem, Jasmine Hamdan. E, ora, per una delle stelle del new country americano: Sturgill Simpson, appunto.

Reduce dal grande A Sailor’s Guide to Earth del 2016, il cantastorie del Kentucky torna con un “ruolo” di primo piano nella nuova pellicola del regista dell’Ohio: I Morti Non Muoiono.

«C’è una tazza di caffè in attesa ad ogni angolo / Un giorno ci sveglieremo e scopriremo che l’angolo è sparito». E tra hipster di città risvegliati, Iggy Pop sanguinanti in cerca di budella e caffè, eremiti barbuti come Tom Waits che osservano il disfacimento del mondo, una buona canzone vale forse tutto un film.

Rimani aggiornato: inserisci qui la tua e-mail (zero spam, promesso)

Humans vs Robots è un progetto di HVSR Media, società di diritto caymano finanziata al 90% dal k0llett1v0 Buonisti col Rolex. Tutti i diritti riservati.

Privacy Policy Cookie Policy