Tracce

Ogni giorno ti consigliamo un brano che vale davvero la pena sentire, tra tutte le novità in uscita. E siccome siamo on line dal 2016, puoi immaginare quanti ne abbiamo da suggerirti. Esplorare le playlist è un buon modo per ascoltarli tutti...

Lunghi

A volte è necessario approfondire. Per capire da dove arriva la musica di oggi, e ipotizzare dove andrà. Per scoprire classici lasciati indietro, per vedere cosa c'è dietro fenomeni popolarissimi o che nessuno ha mai calcolato più di tanto. Questa è la sezione longform di HVSR.

Extended Play

C'è spazio per un altro giornalismo musicale, che non si alimenti solo di comunicati stampa camuffati da news, di interviste copia-e-incolla e di altri argomenti di nessuna rilevanza? Ci proviamo.

Sex Pizzul: Mounir
Soccer bootpunk di periferia
↤ Tracce

Piedi buoni e parastinchi da (s)ballo disegnano una traiettoria coreografata che infila il pallone in mezzo a una foresta di cactus senza che si sgonfi: un piccolo capolavoro balistico.

Sex Pizzul
Mounir

Come Igor Protti e Dario Hubner, i Sex Pizzul hanno debuttato in serie A un po’ in ritardo rispetto alla media, partendo dalla provincia alla conquista della classifica dei cannonieri, forti di un’idea originale e ottime doti nell’antica arte di rapinare l’area piccola, che hanno permesso loro di approfittare dei meccanismi difensivi ancora poco rodati dell’indie italiano (a forza di sane pedate).

La band fiorentina torna a mischiare rock sguaiato e pallone, new wave elettronica ed estetica ultras con un mestiere da far invidia a Nick Hornby, portando a galla il lato più nascosto e godereccio di un’ipotetica “Bruno Pizzul Experience” a 360 gradi (centigradi), e promettendo di regalarci ancora un disco d’altri tempi.

↦ Leggi anche:
Sex Pizzul: El Tanque RMX

Anticalcio uscirà a settembre, ma già dal titolo ribadisce l’idea del suo predecessore: una musica da ballare marcando a uomo e da ascoltare con la radiolina all’orecchio, mentre poghiamo con (e contro) pochi eletti sulle gradinate dei peggiori campi di periferia – e altoparlanti vecchi come il cucco gracchiano oltre la recinzione una sorta di “anarchy in the UISP” corale.

Mounir arriva a campionato finito ma perfettamente in tempo per la Coppa d’Africa e, vista la storia che si porta appresso, probabilmente non è una coincidenza. Lo chiamano “mundial-disco-punk”, è insaporito con una manciata di spezie che sanno di Maghreb e fonde in maniera amabilmente maccheronica una babele di arabo, italiano, inglese, portoghese e russo, per raccontare la vicenda di un giocatore marocchino abbagliato dal sogno dell’ingannevole e lussu(ri)oso mondo calcistico occidentale.

Verosimile, pure troppo.

(con un paio di aggiustamenti, potrebbe essere la versione low-budget dell’avventura italiana di Al-Saadi Muammar Gaddafi – chiedete in giro a Perugia, se volete conferme e maggiori informazioni al riguardo)

Se ti è piaciuta questa traccia, questa recensione o entrambe, perchè non condividere sui social?

Questa traccia è anche presente nelle seguenti playlist:

Scrivere di musica non è facile.
Noi cerchiamo di farla mettendoci passione, ma anche competenza, cura, professionalità. Tutte cose che costano impegno… e soldi. Se apprezzi il nostro lavoro quotidiano perchè non ci sostieni diventando un abbonato? Basta davvero poco!
.
Home
Ogni giorno una traccia che vale davvero la pena sentire
Success
La sezione longform di HvsR
Un altro sguardo sulla musica, con un aggancio all'attualità.