Tracce

Ogni giorno ti consigliamo un brano che vale davvero la pena sentire, tra tutte le novità in uscita. E siccome siamo on line dal 2016, puoi immaginare quanti ne abbiamo da suggerirti. Esplorare le playlist è un buon modo per ascoltarli tutti...

Lunghi

A volte è necessario approfondire. Per capire da dove arriva la musica di oggi, e ipotizzare dove andrà. Per scoprire classici lasciati indietro, per vedere cosa c'è dietro fenomeni popolarissimi o che nessuno ha mai calcolato più di tanto. Questa è la sezione longform di HVSR.

Extended Play

C'è spazio per un altro giornalismo musicale, che non si alimenti solo di comunicati stampa camuffati da news, di interviste copia-e-incolla e di altri argomenti di nessuna rilevanza? Ci proviamo.

Rise of the Northstar: The Legacy of Shi
Demoni dai capelli bellissimi
↤ Tracce

Un po’ di Parigi, un po’ di neo-Tokyo, un po’ di metal-rap-hardcore: questo è crossover.

Rise of the Northstar
The Legacy of Shi

Crossover.

Da anni, ormai, il termine è andato ben oltre la semplice proposta di stili eterogenei nell’ambito della stessa canzone; ora implica anche la mescolanza di stili, elementi e “sapori” provenienti da culture e tradizioni diverse. Non si tratta più, in campo musicale, di rappare su una base heavy metal: si tratta di ascoltare una band francese che canta in inglese e giapponese, rappando su basi pesantissime e trattando argomenti cari alla terra del Sol Levante. Un calderone globalizzato dal quale i più intelligenti sanno attingere a piene mani, risultando innovatori.

In questo campo i Rise of the Northstar sono i brillanti ideatori di un “ponte” che unisce Parigi e Tokyo, e gli appassionati hanno trovato un gruppo coeso, dall’identità precisa e un’estetica estremamente accattivante. Ai loro concerti – ancora piuttosto underground, ma in continua crescita come capienza dei locali – il banchetto del merchandising è letteralmente preso d’assalto e i discepoli si stanno diffondendo in modo rapido.

Ascoltando Legacy of Shi è anche ben chiaro il perché – sebbene il brano sia molto più vicino al metal dei primi Biohazard o Machine Head, che non all’hardcore-rap dei Dope DOD (loro compagni di tour qualche mese fa). In ogni caso, difficile non rimanere colpiti dall’impatto frontale causato dai RotN.

Paolo Bianco
Paolo Bianco

Se ti è piaciuta questa traccia, questa recensione o entrambe, perchè non condividere sui social?

Questa traccia è anche presente nelle seguenti playlist:

E se ti abbonassi?
Pensiamo che un altro giornalismo musicale, non basato esclusivamente su news copia-e-incolla e comunicati stampa travestiti da articoli, sia possibile. Noi, almeno, ci proviamo. Per questo in molti hanno scelto di sostenerci: perchè non lo fai anche tu? Basta davvero poco!
.
Home
Ogni giorno una traccia che vale davvero la pena sentire
Success
La sezione longform di HvsR
Un altro sguardo sulla musica, con un aggancio all'attualità.