Tracce

Ogni giorno ti consigliamo un brano che vale davvero la pena sentire, tra tutte le novità in uscita. E siccome siamo on line dal 2016, puoi immaginare quanti ne abbiamo da suggerirti. Esplorare le playlist è un buon modo per ascoltarli tutti...

Lunghi

A volte è necessario approfondire. Per capire da dove arriva la musica di oggi, e ipotizzare dove andrà. Per scoprire classici lasciati indietro, per vedere cosa c'è dietro fenomeni popolarissimi o che nessuno ha mai calcolato più di tanto. Questa è la sezione longform di HVSR.

Extended Play

C'è spazio per un altro giornalismo musicale, che non si alimenti solo di comunicati stampa camuffati da news, di interviste copia-e-incolla e di altri argomenti di nessuna rilevanza? Ci proviamo.

Rain Phoenix & Michael Stipe: Time Is the Killer
Together forever till the end of time, proprio come cantava Bruce Springsteen
↤ Tracce

La sorella di una delle più grandi promesse (mancate) del cinema americano incontra una delle voci più carismatiche del rock.

Rain Phoenix & Michael Stipe
Time Is the Killer

Erano le prime ore di Halloween del 1993, quando una giovane promessa del cinema americano stava morendo sul marciapiede del Viper Room. Quel ragazzo si chiamava River Phoenix. Poche ore prima aveva assunto un mix letale di eroina e cocaina, insieme a valium, efedrina, metanfetamina e cannabis.

Proprio in quel momento, sul palco del noto locale losangelino di proprietà di Johnny Depp, si trovavano i P: la band formata da Depp stesso insieme a Gibby Haynes dei Butthole Surfers. Curiosamente, il gruppo stava suonando Michael Stipe, una delle migliori tracce presenti sul loro album di debutto (pubblicato poi nel 1995).

Nei giorni seguenti, i R.E.M. chiamarono la sorella, Rain Phoenix, per cantare su Monster (lavoro interamente dedicato a River, appunto). I Red Hot Chili Peppers, amici fraterni dell’attore, incisero la toccante Transcending che fu inserita, due anni dopo, nel sottovalutato One Hot Minute. Non era solo il mondo del cinema a essere rimasto scioccato da quella perdita, quindi.

A ventisei anni di distanza, Rain debutta come solista con questa delicata ballata acustica, accompagnata proprio da Stipe. Il cantante americano appare più in forma che mai. La sua voce è intensa, profonda, emozionante, proprio come ce la ricordavamo. I suoi gesti, la sua mimica, il suo essere semplicemente se stesso: tutto è ben rappresentato anche nel bel video in bianco e nero che accompagna il pezzo.

Il modo migliore per chiudere quel cerchio drammaticamente aperto a West Hollywood, in quella lontana nottata dei primi anni ‘90.

Luca Villa
Luca Villa

Se ti è piaciuta questa traccia, questa recensione o entrambe, perchè non condividere sui social?

Questa traccia è anche presente nelle seguenti playlist:

E se ti abbonassi?
Pensiamo che un altro giornalismo musicale, non basato esclusivamente su news copia-e-incolla e comunicati stampa travestiti da articoli, sia possibile. Noi, almeno, ci proviamo. Per questo in molti hanno scelto di sostenerci: perchè non lo fai anche tu? Basta davvero poco!
.
Home
Ogni giorno una traccia che vale davvero la pena sentire
Success
La sezione longform di HvsR
Un altro sguardo sulla musica, con un aggancio all'attualità.