Nils Lofgren: Pretty Soon
Una foto del fratello più simpatico di Ben Stiller in un momento di meritato relax
 
← Music discovery

Fa parte di due dei più leggendari gruppi della storia del rock; a questo giro lo ascoltiamo in versione solista, invece.

Nils Lofgren
Pretty Soon

Luca Villa
Luca Villa

Non è che capiti a tutti di militare – contemporaneamente – in due dei più famosi gruppi rock di sempre.

La storia di Nils Lofgren parte da lontano. Appena diciannovenne, lui che di anni ora ne ha 68, entra a far parte della band di Neil Young, con cui incide due autentiche pietre miliari: After the Gold Rush e Tonight’s the Night.

Non pago, inizia a sfornare dischi solisti a ripetizione e, nel 1984, entra nella E Street Band di Bruce Springsteen (al posto di Steve Van Zandt). Quando a fine anni ‘90 il Boss decide di riformare il complesso originario, Lofgren rimane lì (e ci rimane fino ai giorni nostri). Non solo. Lo scorso anno, quando Young rimette in piedi i Crazy Horse, chiama proprio lui (come sostituto di Frank “Poncho” Sampedro).

Ora, praticamente in concomitanza con l’uscita del nuovo album di Springsteen, Nils pubblica il suo ennesimo lavoro solista, il diciassettesimo in studio. Il suono è sempre quello di un tempo, un rock pulito e di gran classe, dove svetta sopra ad ogni altra cosa la sua fedele chitarra.

Non sarà una notizia di rilievo come Western Stars, né come l’imminente ritorno dei Crazy Horse; rimane un gran bell’ascolto, tuttavia.

Rimani aggiornato: inserisci qui la tua e-mail (zero spam, promesso)

Humans vs Robots è un progetto di HVSR Media, società di diritto caymano finanziata al 90% dal k0llett1v0 Buonisti col Rolex. Tutti i diritti riservati.

Privacy Policy Cookie Policy