Tracce

Ogni giorno ti consigliamo un brano che vale davvero la pena sentire, tra tutte le novità in uscita. E siccome siamo on line dal 2016, puoi immaginare quanti ne abbiamo da suggerirti. Esplorare le playlist è un buon modo per ascoltarli tutti...

Lunghi

A volte è necessario approfondire. Per capire da dove arriva la musica di oggi, e ipotizzare dove andrà. Per scoprire classici lasciati indietro, per vedere cosa c'è dietro fenomeni popolarissimi o che nessuno ha mai calcolato più di tanto. Questa è la sezione longform di HVSR.

Extended Play

C'è spazio per un altro giornalismo musicale, che non si alimenti solo di comunicati stampa camuffati da news, di interviste copia-e-incolla e di altri argomenti di nessuna rilevanza? Ci proviamo.

Nils Lofgren: Pretty Soon
Una foto del fratello più simpatico di Ben Stiller in un momento di meritato relax
↤ Tracce

Fa parte di due dei più leggendari gruppi della storia del rock; a questo giro lo ascoltiamo in versione solista, invece.

Nils Lofgren
Pretty Soon

Non è che capiti a tutti di militare – contemporaneamente – in due dei più famosi gruppi rock di sempre.

La storia di Nils Lofgren parte da lontano. Appena diciannovenne, lui che di anni ora ne ha 68, entra a far parte della band di Neil Young, con cui incide due autentiche pietre miliari: After the Gold Rush e Tonight’s the Night.

Non pago, inizia a sfornare dischi solisti a ripetizione e, nel 1984, entra nella E Street Band di Bruce Springsteen (al posto di Steve Van Zandt). Quando a fine anni ‘90 il Boss decide di riformare il complesso originario, Lofgren rimane lì (e ci rimane fino ai giorni nostri). Non solo. Lo scorso anno, quando Young rimette in piedi i Crazy Horse, chiama proprio lui (come sostituto di Frank “Poncho” Sampedro).

Ora, praticamente in concomitanza con l’uscita del nuovo album di Springsteen, Nils pubblica il suo ennesimo lavoro solista, il diciassettesimo in studio. Il suono è sempre quello di un tempo, un rock pulito e di gran classe, dove svetta sopra ad ogni altra cosa la sua fedele chitarra.

Non sarà una notizia di rilievo come Western Stars, né come l’imminente ritorno dei Crazy Horse; rimane un gran bell’ascolto, tuttavia.

Luca Villa
Luca Villa

Se ti è piaciuta questa traccia, questa recensione o entrambe, perchè non condividere sui social?

Questa traccia è anche presente nelle seguenti playlist:

Un grazie a chi ci sostiene!
Humans vs Robots parla di musica dal 2016, e cerca di farlo bene. E lo possiamo fare grazie a chi ci sostiene abbonandosi, e garantendo che articoli come questo possano essere letti da tutti.
Basta davvero poco: perchè non ti abboni?
.
Home
Ogni giorno una traccia che vale davvero la pena sentire
Success
La sezione longform di HvsR
Un altro sguardo sulla musica, con un aggancio all'attualità.