New Music

Una volta alla settimana compiliamo una playlist di tracce che (secondo noi) vale davvero la pena sentire, scelte tra tutte le novità in uscita.

Tracce

... Tutte le tracce che abbiamo recensito dal 2016 ad oggi. Buon ascolto.

Storie

A volte è necessario approfondire. Per capire da dove arriva la musica di oggi, e ipotizzare dove andrà. Per scoprire classici lasciati indietro, per vedere cosa c’è dietro fenomeni popolarissimi o che nessuno ha mai calcolato più di tanto. Queste sono le storie di HVSR.

Autori

Chi siamo

Cerca...

N.A.N.O.: COP
Un nano ringalluzzito

Nani, bionde e disperazione: mancano un paio di draghi e potrebbe essere il trailer di #GoT. E invece, tutt’altro.

Quando si tirano occasionalmente in ballo i C.O.D., pare che l’unica cosa da dire sia: il gruppo scelto dagli Skunk Anansie per aprire le date del loro tour lungo lo Stivale.

Ed è un vero peccato, perché la band italiana forse più promettente degli ultimi trent’anni meriterebbe, soprattutto a posteriori, qualcosa di più che un ricordo per conto terzi. Era la fine degli anni ‘90: quel breve, intenso momento storico durante il quale anche le etichette major nostrane avevano iniziato ad annusare il culo dell’alt-rock cantato nella lingua di Dante.

Così è andata che, dopo qualche scazzo di troppo con la Virgin Records, Emanuele Lapiana (forse il nostro cantautore più promettente degli ultimi trent’anni) abbia chiuso baracca e burattini, per rifare capolino solo qualche tempo dopo nei panni del N.A.N.O. – sotto le cui (nemmeno troppo) mentite spoglie ci ha regalato due dei migliori album degli ultimi trent’anni.

COP è il primo singolo del terzo e prova a raccontare – con la solita voce solo apparentemente pacata, lo stesso gusto per la melodia e una costante ossessione per gli acronimi – una generazione, la nostra, che ha passato gli ultimi trent’anni a non prendersi le proprie responsabilità e ora è costretta a ossigenarsi i capelli per riuscire a guardarsi allo specchio senza vedersi per quello che è: drammaticamente disperata.

Il crowdfunding imbastito per finanziare la realizzazione di B&D ha raggiunto (e poi superato) la cifra necessaria in un batter d’occhio. Perché ognuno ha i fan che si merita. E di quella generazione possiamo dire tutto il male possibile, ma non certo che non sappia riconoscere il talento.

O che gli serbi rancore quando quello la mette nuda di fronte ai propri fallimenti.

N.A.N.O. 

Siamo su Substack! Iscriviti per ricevere la newsletter e sapere quando pubblichiamo nuovi contenuti!