New Music

Una volta alla settimana compiliamo una playlist di tracce che (secondo noi) vale davvero la pena sentire, scelte tra tutte le novità in uscita.

Tracce

...Tutte le tracce che abbiamo recensito dal 2016 ad oggi. Buon ascolto.

Storie

A volte è necessario approfondire. Per capire da dove arriva la musica di oggi, e ipotizzare dove andrà. Per scoprire classici lasciati indietro, per vedere cosa c’è dietro fenomeni popolarissimi o che nessuno ha mai calcolato più di tanto. Queste sono le storie di HVSR.

Autori

Chi siamo

Cerca...

Lingua Ignota: Do You Doubt Me Traitor
Kristin sixteen

Lingua Ignota
Do You Doubt Me Traitor

“Drone da camera”: una narrazione sacrale, un tuffo nell’abisso.

Solo qualche anno fa, forse, nessuno avrebbe detto che certa musica estrema, drone e rumoristica in generale si potesse tingere di tale classe.

Kristin Hayter è la nuova paladina di un concetto sonoro ed espressivo d’avanguardia. CALIGULA, uscito da pochi giorni, è il suo capolavoro. Sessantasei minuti di depravazione, orrore e insanità, tenuti insieme da tecnica esecutiva e un background musicale di studi classici.

↦ Leggi anche:
Lingua Ignota: Kim

Diamanda Galàs, Jarboe, Patti Smith, Tori Amos: tutte quante aleggiano nell’aria di questa performance vocale. Così come Béla Bartók, Igor Stravinsky, Karlheinz Stockhausen. E così come i Sunn O))) e compagnia rumorosa. Ma qui c’è molto di più che un territorio per metallari colti: c’è un intero universo in cui vale la pena perdersi.

DO YOU DOUBT ME TRAITOR e i suoi nove minuti non sono certo riassuntivi del bagaglio emotivo, artistico e concettuale dell’intero album. Ma è un brano che ben rappresenta il fascino, la follia e la bellezza che trasudano da questa musica.

Lingua Ignota 

Vuoi continuare a leggere? Iscriviti, è gratis!

Vogliamo costruire una comunità di lettori appassionati di musica, e l’email è un buon mezzo per tenerci in contatto. Non ti preoccupare: non ne abuseremo nè la cederemo a terzi.

Nelle ultime 24 ore si sono iscritte 6 persone!