Cerca
Tracce
Longform
Umani
About
Lana Fucking Del Rey

Lana Del Rey

Doin' Time

Long Beach, California: è proprio in questo preciso luogo che, sul finire degli anni '80, si fanno conoscere i Sublimeformazione che come poche altre è riuscita a mescolare punk, ska, dub e rap.

La loro formula è stata poi riciclata qualche anno dopo da gente come No Doubt e Sugar Ray, che non solo ha raccolto lo scettro lasciato dalla prematura scomparsa del capobranco dei Sublime (Bradley Nowell), ma che sono pure riusciti a scalare le classifiche per qualche tempo.

Proprio mentre la memoria collettiva sul gruppo si stava affievolendo, ecco che al Tribeca Film Festival è stato presentato un documentario dedicato a vita, morte e miracoli del complesso americano (intitolato semplicemente Sublime). Non solo: per l’occasione è stata pubblicata una cover di uno dei loro pezzi più celebri, Doin’ Time, che chiudeva il loro terzo e ultimo album, pubblicato poco dopo la morte del loro cantante per una fatale overdose.

A interpretarla è stata chiamata Lana Del Rey che, all'epoca dell’uscita, stava ancora giocando con le bambole. Poco importa: la versione della cantautrice americana sembra uscire direttamente da uno dei suoi dischi. Sentirla cantare di estate, tradimenti e infedeltà su una base dub non può che far bene all'anima.

Questa azzeccata cover non fa altro che accrescere l’attesa per Norman Fucking Rockwell, il suo nuovo album posticipato a tempo indeterminato per far spazio – si dice – alla promozione della nuova reginetta del pop (Billie Eilish), con cui condivide la stessa etichetta discografica.

Ah: i segreti della musica che (ancora) vende.

HVSR per posta: