Tracce

Ogni giorno ti consigliamo un brano che vale davvero la pena sentire, tra tutte le novità in uscita. E siccome siamo on line dal 2016, puoi immaginare quanti ne abbiamo da suggerirti. Esplorare le playlist è un buon modo per ascoltarli tutti...

Lunghi

A volte è necessario approfondire. Per capire da dove arriva la musica di oggi, e ipotizzare dove andrà. Per scoprire classici lasciati indietro, per vedere cosa c'è dietro fenomeni popolarissimi o che nessuno ha mai calcolato più di tanto. Questa è la sezione longform di HVSR.

Extended Play

C'è spazio per un altro giornalismo musicale, che non si alimenti solo di comunicati stampa camuffati da news, di interviste copia-e-incolla e di altri argomenti di nessuna rilevanza? Ci proviamo.

Lana Del Rey: Doin' Time
Lana Fucking Del Rey
↤ Tracce

Una bella rivisitazione di un gruppo che andava forte nei primi 90’s e che è stato recentemente celebrato con un documentario al Tribeca Film Festival.

Lana Del Rey
Doin' Time

Long Beach, California: è proprio in questo preciso luogo che, sul finire degli anni ‘80, si fanno conoscere i Sublimeformazione che come poche altre è riuscita a mescolare punk, ska, dub e rap.

La loro formula è stata poi riciclata qualche anno dopo da gente come No Doubt e Sugar Ray, che non solo ha raccolto lo scettro lasciato dalla prematura scomparsa del capobranco dei Sublime (Bradley Nowell), ma che sono pure riusciti a scalare le classifiche per qualche tempo.

↦ Leggi anche:
Lana Del Rey: Love
Lana Del Rey: Fuck It I Love You
Lana Del Rey: Chemtrails over the Country Club

Proprio mentre la memoria collettiva sul gruppo si stava affievolendo, ecco che al Tribeca Film Festival è stato presentato un documentario dedicato a vita, morte e miracoli del complesso americano (intitolato semplicemente Sublime). Non solo: per l’occasione è stata pubblicata una cover di uno dei loro pezzi più celebri, Doin’ Time, che chiudeva il loro terzo e ultimo album, pubblicato poco dopo la morte del loro cantante per una fatale overdose.

A interpretarla è stata chiamata Lana Del Rey che, all’epoca dell’uscita, stava ancora giocando con le bambole. Poco importa: la versione della cantautrice americana sembra uscire direttamente da uno dei suoi dischi. Sentirla cantare di estate, tradimenti e infedeltà su una base dub non può che far bene all’anima.

Questa azzeccata cover non fa altro che accrescere l’attesa per Norman Fucking Rockwell, il suo nuovo album posticipato a tempo indeterminato per far spazio – si dice – alla promozione della nuova reginetta del pop (Billie Eilish), con cui condivide la stessa etichetta discografica.

Ah: i segreti della musica che (ancora) vende.

Luca Villa
Luca Villa

Se ti è piaciuta questa traccia, questa recensione o entrambe, perchè non condividere sui social?

Questa traccia è anche presente nelle seguenti playlist:

E se ti abbonassi?
Pensiamo che un altro giornalismo musicale, non basato esclusivamente su news copia-e-incolla e comunicati stampa travestiti da articoli, sia possibile. Noi, almeno, ci proviamo. Per questo in molti hanno scelto di sostenerci: perchè non lo fai anche tu? Basta davvero poco!
.
Home
Ogni giorno una traccia che vale davvero la pena sentire
Success
La sezione longform di HvsR
Un altro sguardo sulla musica, con un aggancio all'attualità.