Tracce

Ogni giorno ti consigliamo un brano che vale davvero la pena sentire, tra tutte le novità in uscita. E siccome siamo on line dal 2016, puoi immaginare quanti ne abbiamo da suggerirti. Esplorare le playlist è un buon modo per ascoltarli tutti...

Lunghi

A volte è necessario approfondire. Per capire da dove arriva la musica di oggi, e ipotizzare dove andrà. Per scoprire classici lasciati indietro, per vedere cosa c'è dietro fenomeni popolarissimi o che nessuno ha mai calcolato più di tanto. Questa è la sezione longform di HVSR.

Extended Play

C'è spazio per un altro giornalismo musicale, che non si alimenti solo di comunicati stampa camuffati da news, di interviste copia-e-incolla e di altri argomenti di nessuna rilevanza? Ci proviamo.

L7: Burn Baby
Fingersi morte
↤ Tracce

Pretend that we’re dead, un po’ come gli anni ‘90.

L7
Burn Baby

Come state, ora che gli anni ’90 sono morti?

Come state, ora che i braccialetti fluo dei vostri migliori rave e i vostri poster anneriti dei Nirvana sono stati triturati nel cassonetto mediatico del lutto?

↦ Leggi anche:
L7: Dispatch From Mar-a-Lago
Slagheap: Caffeine

(per giunta, insieme al “bbono” di Beverly Hills 90210)

Che irresistibile tentazione, decretare la fine di qualcosa. Eppure presto uscirà un nuovo album delle L7. Avete presente? Quelle che lanciavano Tampax usati sulla folla del Reading Festival; quelle che lottavano per la libertà riproduttiva della femmina. Quelle che dicevano che infiltrare le masse attraverso MTV era un’azione sovversiva: solo così si poteva entrare nelle stanze dei ragazzini di periferia.

Le ragazzacce abbandonarono le scene agli albori degli anni ‘00, dopo aver alzato, e di molto, l’asticella del concetto di “divertirsi in tour”. Poi, quattordici anni dopo, Donita Sparks chiamò le tre socie storiche e disse loro: «Non dovete decidere ORA: ma considerate l’idea di tornare a suonare insieme».

Scrollata di dosso un po’ di ruggine e dopo vari concerti (uno anche in Italia), un documentario finanziato con una campagna su Kickstarter (L7: Pretend We’re Dead), due singoli seminati qua e , arriva ora il singolo Burn Baby Burn, che anticipa il nuovo album Scatter The Rats – in uscita a maggio con la Blackheart Records, l’etichetta di Joan Jett.

È Il primo disco dopo vent’anni. Lo sberleffo alla morte di una punk band californiana passata d’ufficio nel registro del grunge. Contesto in cui stava benissimo, peraltro: c’era la sfrontatezza, c’erano i riff, c’erano i pezzi.

La pensavano così anche i Prodigy, che una di quelle canzoni se la presero e ne fecero una cover in The Fat of the Land. Era Fuel My Fire. Strano, vero, ricordarlo ora?

Ora che i 90’s, ancora una volta, si fingono morti.

Se ti è piaciuta questa traccia, questa recensione o entrambe, perchè non condividere sui social?

Questa traccia è anche presente nelle seguenti playlist:

Un grazie a chi ci sostiene!
Humans vs Robots parla di musica dal 2016, e cerca di farlo bene. E lo possiamo fare grazie a chi ci sostiene abbonandosi, e garantendo che articoli come questo possano essere letti da tutti.
Basta davvero poco: perchè non ti abboni?
.
Home
Ogni giorno una traccia che vale davvero la pena sentire
Success
La sezione longform di HvsR
Un altro sguardo sulla musica, con un aggancio all'attualità.