Tracce 

Ogni giorno ti consigliamo un brano che vale davvero la pena sentire, tra tutte le novità in uscita. E siccome siamo on line dal 2016, puoi immaginare quanti ne abbiamo da suggerirti. Esplorare le playlist è un buon modo per ascoltarli tutti...

Storie 

A volte è necessario approfondire. Per capire da dove arriva la musica di oggi, e ipotizzare dove andrà. Per scoprire classici lasciati indietro, per vedere cosa c’è dietro fenomeni popolarissimi o che nessuno ha mai calcolato più di tanto. Queste sono le storie di HVSR.
Korpiklaani: Øl Øl
Øl Øl che botta!
↤ Tracce

La (mini)svolta del clan della foresta?

I Korpiklaani non si discutono.

Non nel senso che siano inattaccabili sul piano della ragion d’essere o della qualità artistica; non si discutono perché c’è ben poco da dibattere. Sono così, prendere o lasciare. Se vi piace ballare sopra i tavoli, bere birra & vodka e stordirvi appresso a chitarre heavy e paccottiglia etnica del Nord Europa, allora la band è a vostra completa disposizione. Se cercate qualcosa di più sofisticato, girate al largo.

Eppure l’ultimo album, che si intitola Kulkija (“vagabondo”) ed è uscito lo scorso autunno, sembra qualcosa di diverso dalla consueta sciarada goliardica in doppia cassa e inseguimenti con la forestale. Si tratta di un concept per nulla scoppiettante e barilesco; anzi, di sicuro potrebbe più assomigliare a un doposbornia che altro.

Øl Øl – estratto della fresca “tour edition” del suddetto disco – dice poco sull’effettiva svolta della formazione finlandese, ma non stiamo mica sostenendo che questi figli di una cerva sconsiderata si siano convertiti al death-doom o al love metal; la chiassosa matrice folk resta, guadagnando giusto una certa pulizia a livello produttivo.

Per la cronaca, qui sono ospiti i Trollfest, goderecci fratelli di quercia norvegesi dei Korpiklaani. Chiudete a chiave le cantine.

Korpiklaani