Tracce

Ogni giorno ti consigliamo un brano che vale davvero la pena sentire, tra tutte le novità in uscita. E siccome siamo on line dal 2016, puoi immaginare quanti ne abbiamo da suggerirti. Esplorare le playlist è un buon modo per ascoltarli tutti...

Lunghi

A volte è necessario approfondire. Per capire da dove arriva la musica di oggi, e ipotizzare dove andrà. Per scoprire classici lasciati indietro, per vedere cosa c’è dietro fenomeni popolarissimi o che nessuno ha mai calcolato più di tanto. Questa è la sezione longform di Humans vs Robots, ed è riservata (in gran parte) agli (link: https://hvsr.net/membership/join text: abbonati).

Extended Play

C'è spazio per un altro giornalismo musicale, che non si alimenti solo di comunicati stampa camuffati da news, di interviste copia-e-incolla e di altri argomenti di nessuna rilevanza? Ci proviamo.

Jim Jarmush & Jozef Van Wissem: The Two Paths
Solo gli amanti sopravvivono
↤ Tracce

Collisioni avanguardistiche.

Jim Jarmush & Jozef Van Wissem
The Two Paths

«Per me ascoltare la musica di Jozef Van Wissem e Jim Jarmusch è un viaggio introspettivo fatto di luce e oscurità. Un’esplorazione allucinatoria generata dalla natura eterea del liuto di Jozef e dalle trame e dal feedback di Jim, che ci guidano nei reami oscuri della nostra psiche». Questo afferma il regista Jules Guerin, a proposito del lavoro per il nuovo singolo – che parolone! – della coppia d’eroi avanguardia.

An Attempt to Draw Aside the Veil è il nuovo album nato dalla collaborazione fra il regista americano e il musicista olandese: entrambi personaggi che godono di un personale status di culto. Se un tempo i compagni di viaggio preferiti di Jarmusch erano Tom Waits, Neil Young, Iggy Pop e Roberto Benigni, fra gli altri, è ormai da qualche anno che Van Wissem ha affiancato stabilmente l’autore di Dead Man a livello artistico.

E non è un caso che il fortunato film Solo gli Amanti Sopravvivono del 2013 avesse mostrato la perfetta possibilità di integrazione tra le loro due visioni musicali: una più acustica e una più rumoristica. Due modi differenti di intendere “il suono”, tanto distanti quanto in grado di fondersi perfettamente anche in questo trip allucinato e desertico.

I panorami visuali di Guerin fanno da contrappunto ai rintocchi di liuto di Van Wissem, che si stagliano sui pad atmosferici di Jarmush intrisi di sporcizia sonora, feedback e rumore. Un simposio che avviene tra sabbie del deserto ed edifici distrutti. Forse non proprio la colonna sonora di tutti i giorni, ma un momento di riflessione ed estasi sospeso tra “fattanza” e desolazione.

Se ti è piaciuta questa traccia, questa recensione o entrambe, perchè non condividere sui social?

Questa traccia è anche presente nelle seguenti playlist:

Un grazie a chi ci sostiene!
Humans vs Robots parla di musica dal 2016, e cerca di farlo bene. E lo possiamo fare grazie a chi ci sostiene abbonandosi, e garantendo che articoli come questo possano essere letti da tutti.
Basta davvero poco: perchè non ti abboni?
.