Tracce

Ogni giorno ti consigliamo un brano che vale davvero la pena sentire, tra tutte le novità in uscita. E siccome siamo on line dal 2016, puoi immaginare quanti ne abbiamo da suggerirti. Esplorare le playlist è un buon modo per ascoltarli tutti...

Lunghi

A volte è necessario approfondire. Per capire da dove arriva la musica di oggi, e ipotizzare dove andrà. Per scoprire classici lasciati indietro, per vedere cosa c'è dietro fenomeni popolarissimi o che nessuno ha mai calcolato più di tanto. Questa è la sezione longform di HVSR.

Extended Play

C'è spazio per un altro giornalismo musicale, che non si alimenti solo di comunicati stampa camuffati da news, di interviste copia-e-incolla e di altri argomenti di nessuna rilevanza? Ci proviamo.

Hugo Race Fatalists: Symphony
Più FILF di Sean Connery
↤ Tracce

Musica per organi invecchiati al caldo: disinvolta e personale, ferita e risarcita al punto giusto.

Hugo Race Fatalists
Symphony

Sarà per il nome, ma Hugo Race ha sempre avuto l’aria di un personaggio in fuga. In primis da se stesso, ma non meno dai potenziali fasti di uno sfavillante inizio di carriera.

Quando si presentò in stazione lui, il convoglio dei Birthday Party era ormai era già al capolinea, ma in compenso stava passando quella coincidenza chiamata Bad Seeds: una scusa per deragliare sui binari più inquieti d’Australia per un bel po’ di anni al ritmo di un capolavoro ogni due.

Poi, il bisogno di fuggire dalla poltrona comoda di una rendita da decubito e dal rischio di invecchiare nel resort all-inclusive di una sopravvivenza artistica extra-lusso.

Necessità risolta in un brusco ritorno a delle origini da esplorare in tutte le loro sfaccettature, ma sempre in compagnia di (più o meno) improvvisate band di amici: l’elettronica con i Transfargo, la lounge dei Merola Matrix, il world-folk a marca Dirtmusic, l’intimismo minimale all’ombra dei Sepiatone – l’elenco è quasi infinito.

Ai Fatalists, tocca qui dare voce all’anfratto più “americano” della sua anima (per la terza volta dopo We Never Had Control e 24 Hours to Nowhere): una sinfonia tappezzata da un blues arido ma mai freddo, dai rimandi vagamente dub e tribali, per scacciare una volta di più il fantasma di Nick Cave e ribadire che la musica più sexy sul mercato arriva ancora dalla voce e dalle mani di un ultracinquantenne un po’ stempiato, con la faccia scavata e lo sguardo senza fondo.

Se ti è piaciuta questa traccia, questa recensione o entrambe, perchè non condividere sui social?

Questa traccia è anche presente nelle seguenti playlist:

Un grazie a chi ci sostiene!
Humans vs Robots parla di musica dal 2016, e cerca di farlo bene. E lo possiamo fare grazie a chi ci sostiene abbonandosi, e garantendo che articoli come questo possano essere letti da tutti.
Basta davvero poco: perchè non ti abboni?
.
Home
Ogni giorno una traccia che vale davvero la pena sentire
Success
La sezione longform di HvsR
Un altro sguardo sulla musica, con un aggancio all'attualità.