Tracce

Ogni giorno ti consigliamo un brano che vale davvero la pena sentire, tra tutte le novità in uscita. E siccome siamo on line dal 2016, puoi immaginare quanti ne abbiamo da suggerirti. Esplorare le playlist è un buon modo per ascoltarli tutti...

storie

A volte è necessario approfondire. Per capire da dove arriva la musica di oggi, e ipotizzare dove andrà. Per scoprire classici lasciati indietro, per vedere cosa c’è dietro fenomeni popolarissimi o che nessuno ha mai calcolato più di tanto. Queste sono le storie di HVSR.

Brutus: Django
Per chi cerca una fidanzata che lo comandi a bacchetta
↤ Tracce

La regola del tre e la storia di una che, se volesse, potrebbe far da sé.

Brutus
Django

Che tre sia il numero perfetto è un mantra che ci hanno inculcato in testa fin da piccoli, e i fatti sembrano confermare la cosa.

Ma la storia ci insegna pure che la perfezione non fa differenze, sconti e nemmeno prigionieri. Non a caso, l’altro lato della medaglia recita “troubles always come in threes”, modo di dire di non ben chiara origine, ma ben diffuso e confermato dall’esperienza, prima, e dalla legge di Murphy, poi.

Ci sarà un motivo se compare come statement ufficiale sul sito dei Brutus, band belga che in effetti di casino ne fa a pacchi, anche grazie al coraggio con cui ha preso la “regola del tre” applicata alla musica – ovvero l’essenziale sufficienza del concetto di “power trio” – e l’ha rivoltata come un calzino, portandone l’elemento in genere più nascosto, dalle seconde linee, rumorosamente al centro della scena.

Stiamo parlando di Stefanie Mannaerts, del suo drumming tanto preciso quanto invasato e del suo cantare belluino – per una metà la versione metal di Dolores O’Riordan, per l’altra una Björk che qualcuno ha fatto incazzare più di quanto riuscì a Beyoncé quella volta. Aggiungeteci un bel faccino, che mai guasta, e capirete che anche lo spassionato, recente endorsement “made in Metallica” non è arrivato per caso.

Perché ok che oggi preferiamo ricordarlo tutti solo come mascotte, buono giusto a suonare questa roba per i nostri nipotini, ma la verità è che, in tema di batteristi (e belle donne), il buon Lars Ulrich c’ha ancora il naso lungo.

Se ti è piaciuta questa traccia, questa recensione o entrambe, perchè non condividere sui social?

 

Questa traccia è anche presente nelle seguenti playlist:

E se ti abbonassi?
Pensiamo che un altro giornalismo musicale, non basato esclusivamente su news copia-e-incolla e comunicati stampa travestiti da articoli, sia possibile. Noi, almeno, ci proviamo. Per questo in molti hanno scelto di sostenerci: perchè non lo fai anche tu?
.