Humans vs Robots
 
Bruce Springsteen: Hello Sunshine
Hello, Boss. Won't you stay?
↞ Playlist

Tramonti americani colmi di poesia e speranza.

Bruce Springsteen
Hello Sunshine

Una targa che recita “Sunshine”. Miglia da percorrere. Cadillac e autoradio. E il gioco è fatto.

Si apre così l’immaginario del nuovo brano del Boss, immediatamente ricevuto come manna dal cielo dai fedelissimi dediti all’integerrima “Springsteen-way-is-the-only-way”.

Lasciata da parte la (mitica) E Street Band e accompagnato da un tripudio d’archi, il nuovo passaggio solista springsteeniano colpisce nel segno in tutta la sua ritrovata, classica semplicità americana. Il brano “funziona” subito e lascia ben sperare per l’imminente Western Star, in uscita a metà giugno.

Non c’è nulla di non già ampiamente detto, pensato, suonato, immaginato, ritratto, ritrovato in radio o in qualche vinile d’annata. Nulla di nuovo sotto il sole, insomma. Ma è ancora, questo, un sole che sembra ben lontano dal perdere del tutto la sua forza, luce, identità (di uomo e musicista).

Bruce Springsteen rappresenta, purtroppo o per fortuna, uno dei più noti e proficui “rock acts” da grande pubblico. Eppure la caratura del suo personaggio e la sua sincera dedizione alla Telecaster e alle stelle e strisce trascendono ancora tutto ciò che potrebbe – anche per i palati più raffinati – affossare la sua musica nell’etichetta del mero “rock radiofonico per tutti”.

Se ti è piaciuta questa traccia, questa recensione o entrambe, perchè non condividere sui social?

Questa traccia è anche presente nelle seguenti playlist:

Rimani aggiornato: inserisci qui la tua e-mail (zero spam, promesso)