Tracce

Ogni giorno ti consigliamo un brano che vale davvero la pena sentire, tra tutte le novità in uscita. E siccome siamo on line dal 2016, puoi immaginare quanti ne abbiamo da suggerirti. Esplorare le playlist è un buon modo per ascoltarli tutti...

Lunghi

A volte è necessario approfondire. Per capire da dove arriva la musica di oggi, e ipotizzare dove andrà. Per scoprire classici lasciati indietro, per vedere cosa c'è dietro fenomeni popolarissimi o che nessuno ha mai calcolato più di tanto. Questa è la sezione longform di HVSR.

Extended Play

C'è spazio per un altro giornalismo musicale, che non si alimenti solo di comunicati stampa camuffati da news, di interviste copia-e-incolla e di altri argomenti di nessuna rilevanza? Ci proviamo.

Tre Allegri Ragazzi Morti: Calamita
Calamita per la tua f@#a
↤ Tracce

Pordenone caput mundi.

Tre Allegri Ragazzi Morti
Calamita

Terzo singolare assaggio di Sindacato dei Sogni, il nuovo album dei tre-giovinastri-che-se-la-spassano-sebbene-siano-deceduti (meglio noti come ecc.).

Calamita è arrivata dopo Caramella e Bengala, nomi dei gatti presenti sulla copertina del disco. Il videoclip è al massimo risparmio, qui. Una ballerina con dei pantaloni orrendi agita la pelvi in un’improvvisata danza sulle note del pezzo, che sembra un ritorno ai bei vecchi tempi della band.

La canzone è dedicata espressamente a Pordenone, “polis” d’origine dei cadaveri serotoninici, e presenta sempre quello stile che si potrebbe definire di schiettezza ermetica del paroliere inquietissimo Davide Toffolo. Sequenze descrittive a random si alternano a un dialogo d’amore pazienziano – nel senso di Andrea Pazienza – che, però, è dedicato sempre alla città («Sono sopravvissuto alle calamita. E solo calamita per la tua fica»).

Calamita è un bagarozzo sonoro di tre minuti e venti, una piccola diligenza sgraziata e orizzontata che vi conduce attraverso la storia della cittadina friulana e della band stessa («Nella città di carta, più piccola del mondo, dove la notte è fredda e siamo in giro in tre / Dove c’erano i punk meglio vestiti al mondo, e dove c’è di sfondo il Fujiyama»). Non vi cambierà la vita, no, ma vi riscalderà le arterie del collo e vi aumenterà la salivazione.

Se ti è piaciuta questa traccia, questa recensione o entrambe, perchè non condividere sui social?

Questa traccia è anche presente nelle seguenti playlist:

Un grazie a chi ci sostiene!
Humans vs Robots parla di musica dal 2016, e cerca di farlo bene. E lo possiamo fare grazie a chi ci sostiene abbonandosi, e garantendo che articoli come questo possano essere letti da tutti.
Basta davvero poco: perchè non ti abboni?
.
Home
Ogni giorno una traccia che vale davvero la pena sentire
Success
La sezione longform di HvsR
Un altro sguardo sulla musica, con un aggancio all'attualità.