New Music

Una volta alla settimana compiliamo una playlist di tracce che (secondo noi) vale davvero la pena sentire, scelte tra tutte le novità in uscita.

Tracce

... Tutte le tracce che abbiamo recensito dal 2016 ad oggi. Buon ascolto.

Storie

A volte è necessario approfondire. Per capire da dove arriva la musica di oggi, e ipotizzare dove andrà. Per scoprire classici lasciati indietro, per vedere cosa c’è dietro fenomeni popolarissimi o che nessuno ha mai calcolato più di tanto. Queste sono le storie di HVSR.

Autori

Chi siamo

Cerca...

The Picturebooks: Electric Nights
Gentiluomini renani

The Picturebooks
Electric Nights

Il grande blues rock duro a morire.

La solita storia: c’è chi dice che il classic rock sia roba da vecchiardi e c’è chi continua a ostentare i vecchi ricordi come uno stile di vita (anche quando sono ricordi di altri che ti hanno preceduto anagraficamente).

I Picturebooks fanno senza dubbio parte della seconda “famiglia”. Il duo tedesco continua imperterrito a suonare con in testa ZZ Top, Led Zeppelin e certi Clash, fregandosene di risultare obsoleti, di presentarsi come dei biker all’americana fuori tempo massimo e di agitarsi sul palco come dei forsennati in preda all’acido lisergico.

Electric Nights – anticipatore di The Hands Of Time, in uscita per la connazionale etichetta metallara Century Media – suona come ogni tradizionale inno r’n’r anni ‘70 dovrebbe: pattern di batteria basico, riffone di chitarra che va avanti per sempre, titolo che risuona in tutto il suo groove lungo il pezzo.

Cuore e anima diventano l’orchestrazione necessaria per uscire dall’anonimato e trasmettere una sana scarica di sentimento. Un’ulteriore mescolata di veracità, per Fynn Claus Grabke e Philipp Mirtschink, e siamo pronti a servire il blues rock di una volta. E di oggi, pure.

The Picturebooks 

Siamo su Substack! Iscriviti per ricevere la newsletter e sapere quando pubblichiamo nuovi contenuti!