Tracce 

Ogni giorno ti consigliamo un brano che vale davvero la pena sentire, tra tutte le novità in uscita. E siccome siamo on line dal 2016, puoi immaginare quanti ne abbiamo da suggerirti. Esplorare le playlist è un buon modo per ascoltarli tutti...

Storie 

A volte è necessario approfondire. Per capire da dove arriva la musica di oggi, e ipotizzare dove andrà. Per scoprire classici lasciati indietro, per vedere cosa c’è dietro fenomeni popolarissimi o che nessuno ha mai calcolato più di tanto. Queste sono le storie di HVSR.
Gomma: Tamburo
Stavo bene prima che arrivassi tu
↤ Tracce

Gomma abrasiva (ma non troppo).

Gomma
Tamburo

I Gomma sono quattro ragazzi alternativamente arrabbiati che, forse, mettono assieme i Tre Allegri Ragazzi Morti con gli ultimi Meganoidi (quelli lungi dalle trombette ska), con in testa una certa lezione “emo”.

Tamburo è il terzo singolo estratto dal nuovo album Sacrosanto (il secondo della loro carriera): due minuti e mezzo per cantare la morte, la perdita nella metabolizzazione rabbiosa e contorta tipica di un adolescente disagiato – come può apparire la cantante Ilaria nel video. Lei corre (male) lungo percorsi selvaggi e civilizzati; mentre sfida la vita, si avvicina alla meta con un pallone dello sport sbagliato.

I Gomma hanno stile da sussidiario ermetico e talento nei motivetti orecchiabili. In realtà sono abbastanza innocui, ma piacevoli. Non si può negare che questo sia un pezzo complesso il giusto, compresso il giusto, espresso il giusto; una pillola post-punkettara così breve e intensa che viene spontaneo metterla ancora e ancora sotto la lingua, mandarla giù e ritrovarsela di nuovo tra le labbra, in una circolarità stregata da social-loop.

Lo stile del testo ricorda molto Pierpaolo Capovilla: diciamo che qui siamo nell’aula magna del liceo degli orrori, più che al teatro. Musica ragazzina per ragazzini problematici ed è giusto così: anche loro ne hanno bisogno. Non si capisce il finale alla Shining del clip, con la panoramica sul lago, ma va bene anche questo (qualcuno di Rollingstone.it glielo chiederà).

Se ti è piaciuta questa traccia, questa recensione o entrambe, perchè non condividere sui social?

 

Questa traccia è anche presente nelle seguenti playlist:

Made in Italy  Metal  February 2019  
E se ti abbonassi?
Pensiamo che un altro giornalismo musicale, non basato esclusivamente su news copia-e-incolla e comunicati stampa travestiti da articoli, sia possibile. Noi, almeno, ci proviamo. Per questo in molti hanno scelto di sostenerci: perchè non lo fai anche tu?

Sei già abbonato? Accedi!

.