Tracce

Ogni giorno ti consigliamo un brano che vale davvero la pena sentire, tra tutte le novità in uscita. E siccome siamo on line dal 2016, puoi immaginare quanti ne abbiamo da suggerirti. Esplorare le playlist è un buon modo per ascoltarli tutti...

Lunghi

A volte è necessario approfondire. Per capire da dove arriva la musica di oggi, e ipotizzare dove andrà. Per scoprire classici lasciati indietro, per vedere cosa c’è dietro fenomeni popolarissimi o che nessuno ha mai calcolato più di tanto. Questa è la sezione longform di Humans vs Robots, ed è riservata (in gran parte) agli (link: https://hvsr.net/membership/join text: abbonati).

Extended Play

C'è spazio per un altro giornalismo musicale, che non si alimenti solo di comunicati stampa camuffati da news, di interviste copia-e-incolla e di altri argomenti di nessuna rilevanza? Ci proviamo.

Ensi: Clash Freestyle
La fame del primo disco, e in banca i soldi dell’ultimo
↤ Tracce

In ottanta secondi, il re del freestyle Italiano si riconferma sul trono.

Ensi
Clash Freestyle

È raro, in Italia, sentir parlare i rapper dei propri figli – principalmente poiché nella scena nessuno sembra essersi riprodotto. Grazie al suo Vincent Vella di tre anni, Ensi ha quindi l’onore di battere chiunque sul tempo con una rima clamorosa (che apre il pezzo): «Non capisce ancora tutto, ma ha capito chi è il più bravo / A scuola gli hanno chiesto: ‘Papà che lavoro fa?’ / Lui ha risposto che il lavoro di suo padre è fare il rap».

Con Clash, in uscita a inizio febbraio, torna il re del freestyle italiano, promettendo ben tre pezzi “liberi” in tracklist.

Questo è il primo e si presenta bene: in ottanta secondi di rap senza fiato, c’è spazio per il “nemico immaginario” («Alle cazzate che scrivi non credo, no / Scusa, ma l’adolescenza l’ho già passata da un po’»), c’è un po’ di nostalgia («Vengo dal Booster, dal Phantom / Dal bomber nero ed arancio»), c’è la voglia di imporsi («La fame del primo disco, e in banca i soldi dell’ultimo»), il tutto su una base incalzante a cura di Old Ass, che impone la giusta urgenza al pezzo.

Bentornato, Ensi – la scena aveva bisogno di te.

Paolo Bianco
Paolo Bianco

Se ti è piaciuta questa traccia, questa recensione o entrambe, perchè non condividere sui social?

Questa traccia è anche presente nelle seguenti playlist:

Un grazie a chi ci sostiene!
Humans vs Robots parla di musica dal 2016, e cerca di farlo bene. E lo possiamo fare grazie a chi ci sostiene abbonandosi, e garantendo che articoli come questo possano essere letti da tutti.
Basta davvero poco: perchè non ti abboni?
.