Fontaines D.C.: Too Real
Straziami ma di chitarre scazzami
 
← Music discovery

Pessimismo e fastidio all'irlandese, con guizzi vitali vincenti.

Fontaines D.C.
Too Real

Andrea Macrì
Andrea Macrì

Gruppi anglosassoni leggermente logorroici: vengono in mente i Fall, per esempio. La band del compianto Mark E. Smith arrivava dall’Inghilterra, mentre i Fontaines D.C.di cui già vi avevamo parlato in un passato non troppo lontano – sono irlandesi.

Dopo un inizio quasi metronomico che sembra provenire dai primi Fugazi, piovono chitarre in puro stile post-punk; non c’è precisione assoluta e “calcolo” a tavolino, tuttavia, bensì qualcosa di più spontaneamente caotico.

Rispetto ai precedenti singoli, qui le sei-corde dei ragazzi di Dublino sono meno Britpop e più tra il cosmico e lo stonato, fino a unirsi alla voce nel ritornello (generando un godibile lamento elettrico).

Un po’ scazzati, vagamente depressi, all’improvviso incazzati. Mediamente, molto bravi.

Rimani aggiornato: inserisci qui la tua e-mail (zero spam, promesso)

Humans vs Robots è un progetto di HVSR Media, società di diritto caymano finanziata al 90% dal k0llett1v0 Buonisti col Rolex. Tutti i diritti riservati.

Privacy Policy Cookie Policy