New Music

Una volta alla settimana compiliamo una playlist di tracce che (secondo noi) vale davvero la pena sentire, scelte tra tutte le novità in uscita.

Tracce

... Tutte le tracce che abbiamo recensito dal 2016 ad oggi. Buon ascolto.

Storie

A volte è necessario approfondire. Per capire da dove arriva la musica di oggi, e ipotizzare dove andrà. Per scoprire classici lasciati indietro, per vedere cosa c’è dietro fenomeni popolarissimi o che nessuno ha mai calcolato più di tanto. Queste sono le storie di HVSR.

Autori

Chi siamo

Cerca...

Deerhunter: Death in Midsummer
A sud di nessun nord

Il cacciatore di cervi, Atlanta e la rivoluzione russa.

C’è sempre quella tiepida malinconia biblica, dentro le parole di Bradford Cox – che ancora non si è lasciato alle spalle il ruolo in Dallas Buyers Club – e dei suoi Deerhunter. Lo conferma la “popedelia” del nuovo singolo Death In Midsummer, anticipatore dell’imminente Why Hasn’t Everything Already Disappeared?

In un immaginario da America rurale, Cox cammina come un novello, bittersweet Richard Ashcroft e si permette anche di sfoderare un vestitino giallo sull’altalena dei panorami della Georgia. Un po’ Red Dead Redemption, un po’ Buon Compleanno Mr. Grape.

Il tono del brano richiama un panorama consueto per la band di Atlanta: dream pop da perfetta playlist indie, con una chitarra che, a un certo punto, riesce anche a stagliarsi sulle tastiere e sul clavicembalo della cantautrice gallese Cate Le Bon (che rispunterà fuori come ospite anche in altri pezzi del nuovo album).

La canzone sembra ispirarsi al centenario della rivoluzione russa, ricorso nel 2017 durante le registrazioni dell’album. E proprio quel sentore autunnale di foglie cadute, panorami che sfumano e ricordi che aleggiano nella memoria rende Death in Midsummer un altro gioiellino della già preziosa collezione dei Deerhunter.

Deerhunter 

Siamo su Substack! Iscriviti per ricevere la newsletter e sapere quando pubblichiamo nuovi contenuti!