Children Of Bodom: Under Grass and Clover
I bambini sono cresciuti
 
← Music discovery

Meglio poco che niente...

Children Of Bodom
Under Grass and Clover

Fino al 2005, circa, erano una delle band più intriganti del panorama heavy metal europeo. Poi qualcosa si è rotto e hanno continuato a girare a vuoto, senza più scostarsi di un centimetro da dove erano arrivati negli anni precedenti. Negli ultimi due album, tuttavia, pare che i Children Of Bodom abbiano ripreso a ingranare.

Niente di eclatante: “no more something really wild», potremmo dire, giocando con il titolo del loro disco più cazzuto, ma ci si può pure accontentare (dati i tempi). Tutto, purché non un altro Relentless Reekless Forever

L’imminente Hexed si presenta con una copertina che, finalmente, chiude con lo stile “fiabesco” degli ultimi lavori e apre a una più ruvida e tetra veste, a metà tra Edvard Munch e qualche oscuro affrescatore medievale. Soprattutto, c’è anche un singolo che promette benino.

Under Grass and Clover non è un miracolo di complessità e violenza. Si tratta della consueta canzone “in your face” con cui i COB rompono il ghiaccio, ma a un orecchio esperto si notano alcune avvisaglie positive: una produzione snella e aggressiva, il consueto gusto un po’ orrido per le nenie pop anni ‘80 e tanta energia positiva.

Sul video, poco da dire. Un gruppo di capelloni finnici suona sul palco: luci, sputi, sudore e qualche caccola occultata mentre la camera punta altrove. Questo è metal!

Rimani aggiornato: inserisci qui la tua e-mail (zero spam, promesso)

Humans vs Robots è un progetto di HVSR Media, società di diritto caymano finanziata al 90% dal k0llett1v0 Buonisti col Rolex. Tutti i diritti riservati.

Privacy Policy Cookie Policy