Tracce

Ogni giorno ti consigliamo un brano che vale davvero la pena sentire, tra tutte le novità in uscita. E siccome siamo on line dal 2016, puoi immaginare quanti ne abbiamo da suggerirti. Esplorare le playlist è un buon modo per ascoltarli tutti...

Lunghi

A volte è necessario approfondire. Per capire da dove arriva la musica di oggi, e ipotizzare dove andrà. Per scoprire classici lasciati indietro, per vedere cosa c’è dietro fenomeni popolarissimi o che nessuno ha mai calcolato più di tanto. Questa è la sezione longform di Humans vs Robots, ed è riservata (in gran parte) agli (link: https://hvsr.net/membership/join text: abbonati).

Extended Play

C'è spazio per un altro giornalismo musicale, che non si alimenti solo di comunicati stampa camuffati da news, di interviste copia-e-incolla e di altri argomenti di nessuna rilevanza? Ci proviamo.

Carpenter Brut: † LEATHER TEETH †
Esso vive
↤ Tracce

Quando il dancefloor si tinge di nero.

Carpenter Brut
† LEATHER TEETH †

Chi ha detto che ai metallari non piace ballare? Lo sanno bene i Carpenter Brut che, con la loro synthwave fatta di croci capovolte e immaginario orrorifico, sono ormai diventati gli Eiffel 65 della disco music metallara.

Con questa † LEATHER TEETH †, il compositore francese – figlio illegittimo di Iron Maiden e Daft Punk – recupera ancora una volta l’estetica da film horror storicamente cara popolo borchiato, sovrapponendola ai pattern tipici del territorio elettronico più tamarro e godereccio.

Carpenter Brut ci sa fare. E parecchio. Truculento con talento: un gusto compositivo a suo modo raffinato, senza essere volgarmente ancorato solo a bassi spinti “a cannone” e synth pop facilone anni ‘80.

120.000 iscritti sul canale Youtube e 85.000 “like” su Facebook hanno portato il nome del DJ transalpino nelle playlist di tutti: quelle dei festival di nicchia come il Roadburn, quelle delle folta platea del Primavera Sound, quelle dei locali r’n’r… e oltre (compresa una certa popolarità di culto in America, dove nel 2018 hanno supportato dal vivo i Ministry). Insomma: tutti coloro che apprezzano la goduria del dancefloor, rigorosamente al nero.

Se ti è piaciuta questa traccia, questa recensione o entrambe, perchè non condividere sui social?

Questa traccia è anche presente nelle seguenti playlist:

Scrivere di musica non è facile.
Noi cerchiamo di farla mettendoci passione, ma anche competenza, cura, professionalità. Tutte cose che costano impegno… e soldi. Se apprezzi il nostro lavoro quotidiano perchè non ci sostieni diventando un abbonato? Basta davvero poco!
.