Tracce

Ogni giorno ti consigliamo un brano che vale davvero la pena sentire, tra tutte le novità in uscita. E siccome siamo on line dal 2016, puoi immaginare quanti ne abbiamo da suggerirti. Esplorare le playlist è un buon modo per ascoltarli tutti...

Lunghi

A volte è necessario approfondire. Per capire da dove arriva la musica di oggi, e ipotizzare dove andrà. Per scoprire classici lasciati indietro, per vedere cosa c'è dietro fenomeni popolarissimi o che nessuno ha mai calcolato più di tanto. Questa è la sezione longform di HVSR.

Extended Play

C'è spazio per un altro giornalismo musicale, che non si alimenti solo di comunicati stampa camuffati da news, di interviste copia-e-incolla e di altri argomenti di nessuna rilevanza? Ci proviamo.

The Avett Brothers: Roses and Sacrifice
Un tranquillo weekend di danza tra banjo, chitarre acustiche e stivali impolverati
↤ Tracce

Tra banjo, chitarre acustiche ed emozionanti linee vocali, una delle band-simbolo del folk rock americano dei giorni nostri.

The Avett Brothers
Roses and Sacrifice

Se la musica degli Avett Brothers vi ha sempre ricordato l’iconico duetto banjo/chitarra di Un Tranquillo Weekend di Paura, non cambierete di certo idea dopo aver ascoltato Roses and Sacrifice.

Anzi, la loro nuova canzone – che arriva a due anni di distanza dal controverso True Sadnesssi ricollega direttamente al suono che li aveva fatti conoscere nei primi anni ‘00, distanziandosi dalla loro più recente produzione (che aveva fatto storcere il naso ai fan più conservatori).

Tempo fa, poco prima che la band scalasse la classifica statunitense, il San Francisco Chronicle scrisse che riusciva a mettere insieme la profonda tristezza di Townes Van Zandt con la leggerezza pop di Buddy Holly, unite all’energia dei Ramones.

A questo giro, grazie al riuscito intreccio profondamente country di chitarre e banjo cui si poggiano le emozionanti linee vocali, i fratelli Avett Brothers ricordano altri consanguinei che andavano forte nell’America negli anni ‘60: gli Everly Brothers.

D’altronde gli Avett Brothers non hanno mai avuto bisogno di effetti speciali per farsi apprezzare; questa è un’ulteriore riprova, nell’attesa di un nuovo disco che, in apparenza, si candida a essere un gradito ritorno alle origini.

Luca Villa
Luca Villa

Se ti è piaciuta questa traccia, questa recensione o entrambe, perchè non condividere sui social?

Questa traccia è anche presente nelle seguenti playlist:

E se ti abbonassi?
Pensiamo che un altro giornalismo musicale, non basato esclusivamente su news copia-e-incolla e comunicati stampa travestiti da articoli, sia possibile. Noi, almeno, ci proviamo. Per questo in molti hanno scelto di sostenerci: perchè non lo fai anche tu? Basta davvero poco!
.
Home
Ogni giorno una traccia che vale davvero la pena sentire
Success
La sezione longform di HvsR
Un altro sguardo sulla musica, con un aggancio all'attualità.