Tracce

Ogni giorno ti consigliamo un brano che vale davvero la pena sentire, tra tutte le novità in uscita. E siccome siamo on line dal 2016, puoi immaginare quanti ne abbiamo da suggerirti. Esplorare le playlist è un buon modo per ascoltarli tutti...

Lunghi

A volte è necessario approfondire. Per capire da dove arriva la musica di oggi, e ipotizzare dove andrà. Per scoprire classici lasciati indietro, per vedere cosa c'è dietro fenomeni popolarissimi o che nessuno ha mai calcolato più di tanto. Questa è la sezione longform di HVSR.

Extended Play

C'è spazio per un altro giornalismo musicale, che non si alimenti solo di comunicati stampa camuffati da news, di interviste copia-e-incolla e di altri argomenti di nessuna rilevanza? Ci proviamo.

TOY: Sequence One
Chiediti cosa puoi fare tu per la psichedelia
↤ Tracce

Psichedelia sintetizzata che unisce groove, acido lisergico e pop.

TOY
Sequence One

Ti aspetti la deriva e invece arriva l’emozione. I TOY, band londinese solita percorrere quella grande storia sotterranea che è la psichedelia, torna con un singolo che ne anticipa il prossimo album, Happy in the Hollow, in uscita a gennaio.

Il loro suono è l’unione di tanti elementi di rock bianco; non risulta di rottura, ma è ben scritto e ben prodotto. Sequence One dimostra tutto ciò: ci sono elementi di vari generi che trovano la giusta misurazione e si combinano perfettamente.

In questi solchi vive il battito kraut, che però viene ricoperto di un suono di basso post-punk; c’è un po’ del pop albionico che dal revival psichedelico portò negli anni ‘90 al brit pop; c’è lo shoegaze e qualcosa di leggermente funk.

La sorpresa, come per altri brani dei TOY, è che ti aspetteresti un’esplosione, un ingresso in una fase di trance… che qui non c’è. Forse il miglior modo per omaggiare la psichedelia è questo: tagliarla, lasciarla intravedere da qualche parte e poi abbandonarla, per lasciare infine vincere la canzone.

Andrea Macrì
Andrea Macrì

Se ti è piaciuta questa traccia, questa recensione o entrambe, perchè non condividere sui social?

Questa traccia è anche presente nelle seguenti playlist:

Un grazie a chi ci sostiene!
Humans vs Robots parla di musica dal 2016, e cerca di farlo bene. E lo possiamo fare grazie a chi ci sostiene abbonandosi, e garantendo che articoli come questo possano essere letti da tutti.
Basta davvero poco: perchè non ti abboni?
.
Home
Ogni giorno una traccia che vale davvero la pena sentire
Success
La sezione longform di HvsR
Un altro sguardo sulla musica, con un aggancio all'attualità.