Tracce

Ogni giorno ti consigliamo un brano che vale davvero la pena sentire, tra tutte le novità in uscita. E siccome siamo on line dal 2016, puoi immaginare quanti ne abbiamo da suggerirti. Esplorare le playlist è un buon modo per ascoltarli tutti...

Lunghi

A volte è necessario approfondire. Per capire da dove arriva la musica di oggi, e ipotizzare dove andrà. Per scoprire classici lasciati indietro, per vedere cosa c'è dietro fenomeni popolarissimi o che nessuno ha mai calcolato più di tanto. Questa è la sezione longform di HVSR.

Extended Play

C'è spazio per un altro giornalismo musicale, che non si alimenti solo di comunicati stampa camuffati da news, di interviste copia-e-incolla e di altri argomenti di nessuna rilevanza? Ci proviamo.

Pedro the Lion: Yellow Bike
Un giovane ragazzo in attesa dell'arrivo di Babbo Natale
↤ Tracce

Il ritorno di uno dei gruppi-simbolo dello slowcore dei primi anni duemila.

Pedro the Lion
Yellow Bike

L’autunno ha sempre portato la caduta di grandi foglie gialle in ampi viali alberati, l’arrivo della nebbia in pianura padana e l’inevitabile cambio del guardaroba.

Poi, certo, se eravate ventenni nei primi anni ‘00, questa stagione portava inevitabilmente con sé un sacco di tristi ballate, spesso catalogate sotto l’etichetta slowcore (o sadcore, da alcuni) – un sottogenere dell’emo-core di Sunny Day Real Estate e Mineral, tanto per intenderci. Roba da cuori infranti e per gente che, piuttosto di guardare le persone negli occhi, si fissava le punte bianche delle proprie Converse (sporcate dai resti delle foglie di cui sopra).

All’epoca dischi come Control o Winners Never Quit dei Pedro the Lion erano costanti nelle autoradio delle macchine dirette al Covo di Bologna o al defunto Rainbow di Milano. Poi, che cos’è successo? C’è stato il surriscaldamento climatico, la nebbia pian piano è scomparsa e i Pedro the Lion hanno gettato la spugna. Era il 2005.

Dopo tredici anni di incerto vagare, David Bazan, da sempre il motore della band di Seattle, ha da poco annunciato al mondo intero che il gruppo si è riunito. Prima per una stringa di date americane, poi per un nuovo album che arriverà a gennaio e si chiamerà Phoenix.

Il primo estratto è Yellow Bike, un dolente mid-tempo dove Bazan, con la sua sempre evocativa voce, ci racconta dell’importanza del regalo che ricevette nel Natale del 1981: una bicicletta. Una bici gialla che, idealmente, l’ha condotto fin qui, per ritrovarsi ancora una volta a suonare quella musica che per troppi anni c’è mancata.

(la nebbia, invece, non è tornata: meglio così, tutto sommato)

Luca Villa
Luca Villa

Se ti è piaciuta questa traccia, questa recensione o entrambe, perchè non condividere sui social?

Questa traccia è anche presente nelle seguenti playlist:

Scrivere di musica non è facile.
Noi cerchiamo di farla mettendoci passione, ma anche competenza, cura, professionalità. Tutte cose che costano impegno… e soldi. Se apprezzi il nostro lavoro quotidiano perchè non ci sostieni diventando un abbonato? Basta davvero poco!
.
Home
Ogni giorno una traccia che vale davvero la pena sentire
Success
La sezione longform di HvsR
Un altro sguardo sulla musica, con un aggancio all'attualità.