Tracce

Ogni giorno ti consigliamo un brano che vale davvero la pena sentire, tra tutte le novità in uscita. E siccome siamo on line dal 2016, puoi immaginare quanti ne abbiamo da suggerirti. Esplorare le playlist è un buon modo per ascoltarli tutti...

Lunghi

A volte è necessario approfondire. Per capire da dove arriva la musica di oggi, e ipotizzare dove andrà. Per scoprire classici lasciati indietro, per vedere cosa c'è dietro fenomeni popolarissimi o che nessuno ha mai calcolato più di tanto. Questa è la sezione longform di HVSR.

Extended Play

C'è spazio per un altro giornalismo musicale, che non si alimenti solo di comunicati stampa camuffati da news, di interviste copia-e-incolla e di altri argomenti di nessuna rilevanza? Ci proviamo.

Ottone Pesante: The Fifth Trumpet
Suona 'sta tromba, Gabriele!
↤ Tracce

Metti, una sera a cena Glen Miller e Burzum.

Ottone Pesante
The Fifth Trumpet

Rame, zinco, piombo, stagno, nickel e ferro: li metti tutti insieme e hai l’ottone (pesante) che, come ogni metallo, ha una capacità protettiva contro la stregoneria. Ma l’esoterismo spinto è solo una delle accezioni per il nome di questa metal band originale – e pure Italiana.

Gli Ottone Pesante ripropongono l’annosa questione se sia necessaria la chitarra distorta per fare metal o magari basti il benjo o il clavicembalo o quello che è, e che tutto stia nell‘“attitudine”.

In realtà i fiati hanno già fatto il loro porco dovere nella storia dell’hard rock, grazie a un luminare della produzione come Bob Ezrin (che inserì gli ottoni per rendere più corposo il suono distorto del miglior Alice Cooper). E non sorprende che, dal vivo, il gruppo di Faenza risulti così poderoso, nonostante gli accordi da big band jazz al posto dei marshall saturasassi.

La batteria pesta a mille e un po’ per i cazzi suoi, come vuole l’etilica scuola Darkthrone, mentre i fiati sparano fiamme e armonie degne di un Michael Nyman dopo una pessima giornata dal dentista. Il video è al limite dell’amatoriale e, per certi versi, sembra un mix tra I Frati Rossi di Gianni Martucci e la serie dei morti che non ci vedono tanto bene di Amando De Ossorio.

In ogni caso, quando vediamo il fuoco uscire dagli strumenti ci esaltiamo: è proprio con queste puttanate che il r’n’r finisce per avere sempre ragione.

Se ti è piaciuta questa traccia, questa recensione o entrambe, perchè non condividere sui social?

Questa traccia è anche presente nelle seguenti playlist:

Un grazie a chi ci sostiene!
Humans vs Robots parla di musica dal 2016, e cerca di farlo bene. E lo possiamo fare grazie a chi ci sostiene abbonandosi, e garantendo che articoli come questo possano essere letti da tutti.
Basta davvero poco: perchè non ti abboni?
.
Home
Ogni giorno una traccia che vale davvero la pena sentire
Success
La sezione longform di HvsR
Un altro sguardo sulla musica, con un aggancio all'attualità.