New Music

Una volta alla settimana compiliamo una playlist di tracce che (secondo noi) vale davvero la pena sentire, scelte tra tutte le novità in uscita.

Tracce

... Tutte le tracce che abbiamo recensito dal 2016 ad oggi. Buon ascolto.

Storie

A volte è necessario approfondire. Per capire da dove arriva la musica di oggi, e ipotizzare dove andrà. Per scoprire classici lasciati indietro, per vedere cosa c’è dietro fenomeni popolarissimi o che nessuno ha mai calcolato più di tanto. Queste sono le storie di HVSR.

Autori

Chi siamo

Cerca...

Kurt Vile: One Trick Ponies
Il nuovo testimonial della Garnier per il balsamo UltraDolce (districante istantaneo) al’olio di argan e camelia

Se vi piacciono le canzoni senza ritornello (ma anche quelle senza strofe), questo è il pezzo che fa per voi.

Se una certa idea di “folk americano” è riuscita a mettere la testa fuori da specifici pub dell’Arizona e a far breccia nel vago recinto dell’indie-rock (risultando in qualche modo attuale anche dopo la morte di Woody Guthrie e il Nobel a Bob Dylan), una buona parte del merito va sicuramente a Kurt Vile.

L’ex War On Drugs, infatti, ha un fiuto da cane da tartufo per quei riff semplici e puliti che sono capaci di non annoiarti per qualche giro di lancetta (dei secondi) – e così riescono, da soli, a fare una canzone.

↦ Leggi anche:
Traccia: Tess Parks & Anton Newcombe: Please Never Die

D’altra parte, se madre natura è stata così didascalica da darti, oltre che la “nappa” di Gérard Depardieu, anche una voce a dir poco nasale, è giusto che tu possa sfruttare la cosa a tuo vantaggio in altri modi.

E pensare che l’imminente Bottle It In era stato annunciato da un primo singolo come Bassackwards, e dai suoi quasi dieci minuti di logorrea che avevano subito provato a mandare in vacca tutta la traballante teoria di cui sopra. Fortuna che, subito a seguire, arriva One Trick Ponies, una menestrellata elettrica che porta invece quella stessa teoria alle sue estreme conseguenze.

Qui il riff in questione è semplicissimo e pulitissimo e, soprattutto, da solo, fa davvero tutta la canzone, che incredibilmente riesce a mantenere la prova d’ascolto nei limiti della soglia di attenzione – pur essendo, di fatto, costituita da un’unica, infinita strofa che fa della monotonia esasperata la sua carta vincente.

O forse si tratta di un unico (infinito) ritornello?

La risposta è strettamente soggettiva e dipende in sostanza dallo stato d’animo con cui si entra nel loop dopo quell’«Oh, shit!» iniziale (tanto sbracato da risultare semplicemente delizioso).

Rimane la certezza che quando – mentre ascolti un pezzo e ti fermi un attimo a far mente locale – non sei capace di distinguere in quale parte della classica “forma-canzone” ti trovi, delle due l’una: o chi l’ha scritta ha sbagliato mestiere, oppure lo sta facendo fin troppo bene.

Kurt Vile 

Siamo su Substack! Iscriviti per ricevere la newsletter e sapere quando pubblichiamo nuovi contenuti!