Cerca
Tracce
Longform
Umani
About
Il foularino colorato su petto nudo è un must della prossima stagione, dice Jean Paul Gaultier

Imagine Dragons

Zero

Quartetto americano capace di mettere prona la Russia come non succedeva dai tempi dei Bon Jovi e di Sly Stallone, quello degli Imagine Dragons è solo l'ennesimo fenomeno pop biodegradabile, forse, ma concediamo loro che almeno la scelta del nome spacca.

"Imagine Dragons" suona incoraggiante, infatti, e sprona a guardare il cielo e credere nell'impossibile. Il resto è pura, moderna e plasticosa "mainstream music", ma parlare di quei lucertoloni volanti è sempre un bene: il mondo non deve dimenticarli e attraverso la fantasia, come è sempre stato, essi vivono ancora.

Zero, secondo singolo tratto dal nuovo album, Origins, ha tutta l'aria minacciosa del tormentone annichilente. Prima che lo diventi sul serio, però, bisogna elogiarne la genuina natura lirica. Si tratta di un brano che davvero vorrebbe dire qualcosa alla gente e dar voce agli esclusi, ovvero a tutti quanti noi. Oggi è così che ci sentiamo: estromessi dal mondo e quasi bannati da noi stessi.

Scritto per la colonna sonora del film Ralph Spacca Internet di Rich Moore, seguito di Ralph Spaccatutto, Zero parla proprio di quanto la società di oggi porti le persone a perdersi in una illusoria realtà di amici recepiti solo con il senso della vista e della fantasia (quasi come dei draghi...). E in che modo tutto ciò conduca alla solitudine e alla percezione di essere, appunto, degli zero rispetto a ciò che viene cliccato e "mipiaciuto" da una moltitudine di altri zero.

E zero più un milione di zero, quanto fa?

HVSR per posta: