Tracce

Ogni giorno ti consigliamo un brano che vale davvero la pena sentire, tra tutte le novità in uscita. E siccome siamo on line dal 2016, puoi immaginare quanti ne abbiamo da suggerirti. Esplorare le playlist è un buon modo per ascoltarli tutti...

storie

A volte è necessario approfondire. Per capire da dove arriva la musica di oggi, e ipotizzare dove andrà. Per scoprire classici lasciati indietro, per vedere cosa c’è dietro fenomeni popolarissimi o che nessuno ha mai calcolato più di tanto. Queste sono le storie di HVSR.

Greta Van Fleet: Anthem
Dove sta Greta?
↤ Tracce

Mettete i Greta Van Fleet nei loro cannoni.

Greta Van Fleet
Anthem

Greta Van Fleet non è una giovane hippie dalla voce che sembra un incrocio tra Kate Bush e Robert Plant. Si tratta di un (relativamente) giovane quartetto americano, fondato nel 2012 dai fratelli Kiszka – Josh, Sam e Jacob – e Kyle Hauck alla batteria. Dopo un anno, quest’ultimo se n’è andato ed è stato rimpiazzato da Daniel Wagner.

Il gruppo da lì ha realizzato un paio di EP e ora esordisce con il primo album che s’intitola, in puro stile flower gunner power, Anthems of Peaceful Army: un concentrato di hard rock spigoloso in cui il gruppo americano guarda all’arcadia del Grande Rock, ma prova anche a percorrere una strada personale (se e per quanto possibile…).

Chi pensa che siano solo l’ennesima cover band “mascherata” dei Led Zeppelin, si sbaglia (sebbene l’impressione iniziale sia proprio quella, eh). Basta ascoltare Anthem: puzza un po’ di hashish e space folk, ma possiede un tocco molto discreto, delicato e suadente. Una canzone che invita a perdere lo sguardo nel bivacco solare e dimenticare le strade fredde e sudicie che dobbiamo affrontare ogni giorno per andare al lavoro, senza però condurci di nascosto davanti al portone di Aleister Crowley (come capitava a volte con Jimmy Page).

Anthem scorre felice, in barba a tutto: via, verso orizzonti lontani, prendendoci la mano e ignorando le nostre blande proteste, mentre la notte scende e un’oasi di giovani si riunisce in un coro dove non c’è nessuna Coca-Cola cui appellarsi (e nemmeno Charles Manson). Solo tanta voglia di guardare le stelle e abbandonarsi per un momento ai ricordi di vecchi Natali.

Se ti è piaciuta questa traccia, questa recensione o entrambe, perchè non condividere sui social?

 

Questa traccia è anche presente nelle seguenti playlist:


E se ti abbonassi?
Pensiamo che un altro giornalismo musicale, non basato esclusivamente su news copia-e-incolla e comunicati stampa travestiti da articoli, sia possibile. Noi, almeno, ci proviamo. Per questo in molti hanno scelto di sostenerci: perchè non lo fai anche tu?

Sei già abbonato? Accedi!


.