New Music

Una volta alla settimana compiliamo una playlist di tracce che (secondo noi) vale davvero la pena sentire, scelte tra tutte le novità in uscita.

Tracce

...Tutte le tracce che abbiamo recensito dal 2016 ad oggi. Buon ascolto.

Storie

A volte è necessario approfondire. Per capire da dove arriva la musica di oggi, e ipotizzare dove andrà. Per scoprire classici lasciati indietro, per vedere cosa c’è dietro fenomeni popolarissimi o che nessuno ha mai calcolato più di tanto. Queste sono le storie di HVSR.

Autori

Chi siamo

Cerca...

Subsonica: Bottiglie Rotte
Un gruppo in cerca di alta definizione

Rompere il ghiaccio (a.k.a. l’arte perduta dei video italiani decenti).

L’inizio è asciutto, funky eppure severo, che è come dire dolce e salato: si può fare, ma non è la strada più facile. Però è una strada che i Subsonica 2018 possono permettersi di prendere, tenendo l’elettronica imbrigliata finché non viene lasciata libera gradualmente, a partire dalla metà del pezzo.

Il testo, curiosamente, non sembra fondersi del tutto con l’atmosfera del brano: una fotografia dell’indifferenza diffusa e del protagonismo crescente, che tuttavia non si sbilancia troppo. Va da sé che l’arte dell’equilibrismo non è mai stata ignota al gruppo, che ha saputo sfruttare sfumature e penombre a proprio vantaggio, però i lampi risultano pochi e distribuiti con moderazione (le star che sorridono «… tra un attentato e un’altra festa», la «svastica nei cessi»).

Ma forse l’importante era rompere, più che le bottiglie, il ghiaccio con un singolo di riscaldamento in vista del nuovo album e in definitiva del nuovo ritorno: i Subsonica sono una macchina potente e complicata, fatta di componenti uniche che solo trovando la perfetta coesione riesce a spingersi in luoghi che solo lei conosce – ma riavviarla non è mai un’operazione facile.

In compenso la band si presta in modo eccellente al regista Donato Sansone: una delle rare volte in cui un video italiano si fa guardare senza rimpianti.

Subsonica 

Vuoi continuare a leggere? Iscriviti, è gratis!

Vogliamo costruire una comunità di lettori appassionati di musica, e l’email è un buon mezzo per tenerci in contatto. Non ti preoccupare: non ne abuseremo nè la cederemo a terzi.

Nelle ultime 24 ore si sono iscritte 12 persone!