Tracce

Ogni giorno ti consigliamo un brano che vale davvero la pena sentire, tra tutte le novità in uscita. E siccome siamo on line dal 2016, puoi immaginare quanti ne abbiamo da suggerirti. Esplorare le playlist è un buon modo per ascoltarli tutti...

Lunghi

A volte è necessario approfondire. Per capire da dove arriva la musica di oggi, e ipotizzare dove andrà. Per scoprire classici lasciati indietro, per vedere cosa c’è dietro fenomeni popolarissimi o che nessuno ha mai calcolato più di tanto. Questa è la sezione longform di Humans vs Robots, ed è riservata (in gran parte) agli (link: https://hvsr.net/membership/join text: abbonati).

Extended Play

C'è spazio per un altro giornalismo musicale, che non si alimenti solo di comunicati stampa camuffati da news, di interviste copia-e-incolla e di altri argomenti di nessuna rilevanza? Ci proviamo.

Rival Sons: Do Your Worst
Figli del blues
↤ Tracce

Rock’n’Roll never dies (enough).

Rival Sons
Do Your Worst

«Un incubo al whisky pieno di serpenti, questo è Do Your Worst per me». Così si esprime il cantante Jay Buchanan in merito al nuovo pezzo anticipatore dell’album che uscirà nel 2019 per Low Country Sound, nuovo marchio discografico del superproduttore Dave Cobb (una filiale della major Elektra).

La formula compositiva della band californiana rimane immutata: un riff catchy introduce il pezzo, per poi svilupparsi nella canonica struttura riff/strofa/ritornello/strofa/ritornello/bridge/ritornello. Funzionava allora e funziona ancora. Il vecchio spettro del blues è lento a morire e il vecchio rock’n’roll non è ancora crepato abbastanza.

In un certo senso sembrano lontani i tempi di Pressure & Time, ovvero il lancio dei Rival Sons grazie al sorprendente intuito della solitamente “rumorosa” etichetta inglese Earache, ma la loro caratura sembra non incrinarsi – in barba ai quasi ininterrotti tour di questa prima decade di attività.

Novità? Zero. Già sentito? Eccome. Roba che funziona? Funziona ora e, fin quando avrà senso citare ancora Keith Richards, si spera che funzioni sempre: «Se non conosci il blues… non ha senso prendere in mano la chitarra e suonare rock o qualsiasi altra forma di musica popolare».

Se ti è piaciuta questa traccia, questa recensione o entrambe, perchè non condividere sui social?

Questa traccia è anche presente nelle seguenti playlist:

Un grazie a chi ci sostiene!
Humans vs Robots parla di musica dal 2016, e cerca di farlo bene. E lo possiamo fare grazie a chi ci sostiene abbonandosi, e garantendo che articoli come questo possano essere letti da tutti.
Basta davvero poco: perchè non ti abboni?
.