Neneh Cherry: Kong
Grazie oggi del nostro trip hop quotidiano
↤ Playlist

Possiamo considerarla una dea (anche senza rievocare quei fatidici 7 secondi)?

Neneh Cherry
Kong

Quando ascolto Neneh Cherry penso che, se fosse per me ed esistesse un concorso, la nominerei Madre Natura. Ma di una natura strana, non botticelliana: una natura che ha imparato a difendersi dalle minacce frequentando la periferia dei grandi centri urbani.

Il suono del nuovo singolo Kong, ritorno dopo quel grande disco che è stato Blank Project del 2014, è proprio questo: il reggae rallentato in stile Massive Attack dei primi dischi, ma come una stanza piena di fumo in cui Four Tet inserisce spezie non occidentali e 3D cerca di tenere le fila del discorso col presente.

Un presente che è stato fortemente influenzato da quella cosa nota come trip hop.

È anche per questo che Neneh Cherry non risulta stantia, accompagnandosi alla propria tradizione (che non è mai davvero invecchiata). Allo stesso tempo, riallaccia attraverso la voce e i testi un discorso fatto d’amore; e in questi tempi di amore c’è tanto bisogno. Un po’ come delle madri.

Andrea Macrì
Andrea Macrì

Se ti è piaciuta questa traccia, questa recensione o entrambe, perchè non condividere sui social?

Questa traccia è anche presente nelle seguenti playlist: