Tracce

Ogni giorno ti consigliamo un brano che vale davvero la pena sentire, tra tutte le novità in uscita. E siccome siamo on line dal 2016, puoi immaginare quanti ne abbiamo da suggerirti. Esplorare le playlist è un buon modo per ascoltarli tutti...

Lunghi

A volte è necessario approfondire. Per capire da dove arriva la musica di oggi, e ipotizzare dove andrà. Per scoprire classici lasciati indietro, per vedere cosa c’è dietro fenomeni popolarissimi o che nessuno ha mai calcolato più di tanto. Questa è la sezione longform di Humans vs Robots, ed è riservata (in gran parte) agli (link: https://hvsr.net/membership/join text: abbonati).

Extended Play

C'è spazio per un altro giornalismo musicale, che non si alimenti solo di comunicati stampa camuffati da news, di interviste copia-e-incolla e di altri argomenti di nessuna rilevanza? Ci proviamo.

Julia Holter: I Shall Love 2
Cappuccetto Rosso postmoderno
↤ Tracce

Dietro le tende del pop d’avanguardia.

Julia Holter
I Shall Love 2

Julia Holter è un personaggio di indiscusso talento. Spesso in sordina, l’artista “tuttofare” americana – nata in Winsonsin ma presto divenuta losangelina – è sempre stata autrice di lavori che possono considerarsi veri capisaldi dell’avant-pop contemporaneo. Loud City Songs del 2013 su tutti.

I Shall Love 2 è il singolo apripista del nuovo album Aviary, in uscita sempre per la Domino Records il prossimo 26 Ottobre. A metà tra gli scorci più stravaganti e psichedelici di certi Cocteau Twins, Talking Heads e Talk Talk, questo pop barocco e colorato resta sempre impalpabilmente sornione, si costruisce piano su un pattern di batteria elettronica e di voce soffusa e si riempie man mano di avvincente estasi sonora.

Interessante sottolineare un certo abbandono sentimentale («I’m in love / what can I do?»). Il rosso saturo e lo scuro di fondo s’integrano bene e, oltre all’amore, sembra esserci qualcos’altro – nascosto nella penombra.

Difficile, in questo periodo, risultare ancora efficaci senza grandi scossoni ed estetiche dissacranti, in un territorio come quello del pop colto. La Holter sciorina con disinvoltura la propria classe, invece. Un’artista sincera, che, giustamente, gode dell’appoggio di una discreta schiera di fan che ne conosce molto bene i pregi.

Se ti è piaciuta questa traccia, questa recensione o entrambe, perchè non condividere sui social?

Questa traccia è anche presente nelle seguenti playlist:

Un grazie a chi ci sostiene!
Humans vs Robots parla di musica dal 2016, e cerca di farlo bene. E lo possiamo fare grazie a chi ci sostiene abbonandosi, e garantendo che articoli come questo possano essere letti da tutti.
Basta davvero poco: perchè non ti abboni?
.