Tracce

Ogni giorno ti consigliamo un brano che vale davvero la pena sentire, tra tutte le novità in uscita. E siccome siamo on line dal 2016, puoi immaginare quanti ne abbiamo da suggerirti. Esplorare le playlist è un buon modo per ascoltarli tutti...

Lunghi

A volte è necessario approfondire. Per capire da dove arriva la musica di oggi, e ipotizzare dove andrà. Per scoprire classici lasciati indietro, per vedere cosa c'è dietro fenomeni popolarissimi o che nessuno ha mai calcolato più di tanto. Questa è la sezione longform di HVSR.

Extended Play

C'è spazio per un altro giornalismo musicale, che non si alimenti solo di comunicati stampa camuffati da news, di interviste copia-e-incolla e di altri argomenti di nessuna rilevanza? Ci proviamo.

John Carpenter: The Shape Returns
Cose buone, niente ciance, voglio ben riempir le guance, chi non paga presto piange
↤ Tracce

La notte delle streghe: si torna dove tutto era iniziato con un noto regista che nel sequel del suo film più famoso viene chiamato per musicare le gesta di un cattivone dell’orrore. Tutto chiaro?

John Carpenter
The Shape Returns

A quarant’anni esatti dal primo, inimitabile Halloween – film horror “low budget” che col tempo è diventato un vero classico – si ritorna a Haddonfield per celebrare la figura del leggendario Michael Myers.

Questa volta dietro la macchina da presa non c’è John Carpenter; al suo posto, i più giovani David Gordon Green (il regista di Strafumati) e Danny McBride (che forse ricorderete come attore nelle pellicole più spassose di Judd Apatow).

↦ Leggi anche:
John Carpenter: Christine
John Carpenter: Skeleton

Il Maestro dell’Orrore è comunque ben presente nell’atteso sequel perché, onestamente, che Halloween sarebbe se le gesta di Myers non fossero commentate da quelle famose note musicali? È proprio questo il compito che gli è stato affidato, infatti: scrivere, o meglio riscrivere, il tema portante del film e la colonna sonora tutta.

A giudicare da The Shape Returns, la rilettura del famoso tema che se la gioca a livello di “strizza” con l’originale, si può affermare che Carpenter – calcando maggiormente la mano sulla cupezza – si porti egregiamente a casa la pagnotta.

D’altronde, ci sono in giro tanti pischelli che non hanno ancora visto la pellicola originale; ragion per cui era davvero ora, forse, di rinfrescare l’intera “confezione”, tirare a lustro la maschera di Myers e andare a terrorizzare nuove legioni di futuri fan. Con un tappeto sonoro che farà (ancora una volta) tremare le gambe a molti.

Luca Villa
Luca Villa

Se ti è piaciuta questa traccia, questa recensione o entrambe, perchè non condividere sui social?

Questa traccia è anche presente nelle seguenti playlist:

Un grazie a chi ci sostiene!
Humans vs Robots parla di musica dal 2016, e cerca di farlo bene. E lo possiamo fare grazie a chi ci sostiene abbonandosi, e garantendo che articoli come questo possano essere letti da tutti.
Basta davvero poco: perchè non ti abboni?
.
Home
Ogni giorno una traccia che vale davvero la pena sentire
Success
La sezione longform di HvsR
Un altro sguardo sulla musica, con un aggancio all'attualità.