Humans vs Robots
 
Behemoth: Wolves of Siberia
Arriva il lupo e te se spizzica!
↞ Playlist

I satanassi polacchi procedono sulla via sinistra del blackaeton.

Behemoth
Wolves of Siberia

I Behemoth tornano all’ortodossia. Il videoclip con il lupo, la foresta e una donna insanguinata sembrano l’ABC del satanismo blackaeton. Il brano è allo stesso modo un recupero dell’essenza rabbiosa e oscura delle origini; niente fronzoli, noi siamo “evil ones”. Purtroppo il video distrae dalla canzone e la canzone dal video: alla fine non si capisce bene che cosa si sia visto e sentito. Consigliabile una doppia visione; la prima senza audio, la seconda senza video.

I lupi siberiani sembrano la cosa più sola e autarchica del mondo, anche se oggi la Siberia è una terra molto più lieta e ospitale dei tempi Staliniani e i lupi hanno guadagnato uno status pacioccone che stride con la ferocia predatoria di questo bestione aggressorum. Più che una dichiarazione d’amore all’austera e nobile figura del nemico di Cappuccetto, qui lo si denigra.

Il video è abbastanza mediocre, suvvia. Montato con una certa blandizia, girato in modo grossolano, sembra l’abbiano scritto dopo averlo realizzato. C’è l’essenza crucis dei Behemoth attuali: vorrebbero essere crudeli e indigesti, ma alla fine non ce la possono fare. La donna che è aggredita e sembra poi divorata dal lupo cattivo, nelle ultime inquadrature si rivela ancora viva. Il lupo non c’è più e anche la giornata si sta defilando oltre le montagne.

(e lei deve pure fare la cena – che cosa dirà suo marito?)

Se ti è piaciuta questa traccia, questa recensione o entrambe, perchè non condividere sui social?

Questa traccia è anche presente nelle seguenti playlist:

Rimani aggiornato: inserisci qui la tua e-mail (zero spam, promesso)